Wolff: “In Mercedes niente teste di c***o”

Wolff: “In Mercedes niente teste di c***o”

Anno dopo anno e vittoria dopo vittoria la MERCEDES sta riscrivendo la storia della Formula 1. In questo 2020 il team con sede a Brackley ha celebrato la settima doppietta piloti-costruttori consecutiva, relegando nel passato anche i sei titoli di squadra vinti dalla Ferrari nel periodo 1999-2004. Spesso nel corso di queste cavalcate trionfali si sono tessute le lodi della casa della Stella, capace di rinnovare continuamente il proprio vantaggio competitivo sugli avversari e a tenere motivati i propri uomini chiave, a partire dallo stesso pilota di punta della squadra: LEWIS HAMILTON. Un ruolo importante nell’ottenere questi risultati lo ha certamente avuto il team principal, TOTO WOLFF.

 Wolff: “Vinciamo perché abbiamo paura di perdere”

Il manager austriaco ha preso le redini del team nel 2014, riuscendo a trascinare in vetta la sua squadra in ogni anno dalla sua direzione. Wolff ha saputo superare le faide interne tra Hamilton e Rosberg, la sfida lanciata dalla Ferrari nel biennio 2017-2018 ed anche lo stesso cambio regolamentare del 2017, che sembrava poter creare qualche problema all’armata nero-argento. In queste stagioni Wolff ha sempre tenuto a rimarcare l‘UNITÀ DI INTENTI DEL PROPRIO TEAM, contrapposta ai tanti dissidi interni emersi nelle principali squadre rivali, Ferrari e Red Bull su tutte.

 Mercedes, Istanbul nasce da Hockenheim

Nel corso di un’interessante intervista rilasciata al sito ufficiale della F1, Wolff stesso ha ribadito questa sua convinzione, usando parole piuttosto chiare: “Io ho un vero interesse per le persone – ha spiegato il dirigente viennese – mi piace passare molto tempo con loro, capire le loro preoccupazioni e anche ciò che le motiva. In squadra ci prendiamo cura l’uno dell’altro e penso che questo si senta. C’è anche un modo per affrontare la pressione. È un ambiente sicuro. Non abbiamo una politica di assunzioni e licenziamenti, NON CI DIAMO LA COLPA A VICENDA – ha puntualizzato Wolff – ci possono essere discussioni, questo è molto importante, diversità di opinioni, ma non porta mai ad una situazione in cui litighiamo l’uno con l’altro. Se litighiamo, accade all’inizio e significa che le persone non si adattavano l’una all’altra”.

“Nella squadra abbiamo uno psicologo dello sport, Ceri Evans – ha concluso Wolff – che è anche lo psicologo degli All Blacks, la nazionale neozelandese di rugby. Uno dei lori motti è ‘NIENTE TESTE DI C***O‘. Noi ci siamo portati dietro anche questa filosofia” ha commentato con un sorriso il boss di casa Mercedes.

Fonte: https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/f1-team/wolff-in-mercedes-niente-teste-di-cazzo-f1-hamilton-2020-all-blacks-rugby-ferrari-red-bull-533605.html

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: