Wolff avverte Porsche: “Non possono chiedere di vincere subito”

Wolff avverte Porsche: “Non possono chiedere di vincere subito”

Il Circus della Formula 1 viaggia verso un esaltante finale della stagione 2021, si prepara alla rivoluzione tecnica prevista per il prossimo anno ma guarda con attenzione anche ad un futuro più lontano. Non si fermano infatti le discussioni sulle nuove power unit ed i nuovi regolamenti che governeranno lo sport a partire dalla STAGIONE 2026. In quell’anno potrebbero esserci nuovi costruttori desiderosi di entrare nel campionato. Su tutti, si è parlato molto di due marchi iconici del mondo del motorsport, entrambi legati al gruppo Volkswagen: AUDI e PorSche. Quest’ultimo in particolare ha chiarito esplicitamente che esiste un “serio interesse” ad entrare in Formula 1.

Porsche ha però anche posto alcune condizioni apparentemente non negoziabili per accettare di cimentarsi nella sfida contro gli altri costruttori già da tempo presenti nel campionato (Ferrari, Mercedes Renault e Red Bull). Aumento della componente elettrica, budget cap esteso anche ai piloti e condizioni di partenza identiche tra i partecipanti, queste le richieste della casa di Stoccarda. Punti di non scontata approvazione, soprattutto il secondo ed il terzo. Anche per questo – forse – è arrivata una reazione chiara e ferma da parte di TOTO WOLFF, numero uno di casa Mercedes, che ha fatto capire – senza fare nomi specifici – come chiunque entri nel Circus non possa aspettarsi REGOLAMENTI FATTI AD HOC per poter vincere subito.

“Nessuna di queste grandi aziende automobilistiche vuole entrare e affrontare una situazione in cui sono altamente non competitivi – ha spiegato Wolff, come riportato dal sito Autosport.com – quindi c’è bisogno di avere sistemi che mitighino questi rischi. D’altra parte però, la F1 è come la Champions League. NESSUNO PUÒ ASPETTARSI DI ENTRARE IN CHAMPIONS LEAGUE PER LA PRIMA VOLTA ED ANDARE SUBITO IN FINALE PER VINCERE” ha chiarito, facendo riferimento anche allo stesso ‘caso Mercedes’. “Guardate la storia della Mercedes, nei primi tre anni in cui è entrata con un proprio team. Guardate i terribili anni che hanno affrontato in Honda, o in Renault. Tutti noi abbiamo dovuto lottare per arrivare a vincere gare e campionati. Penso che tutti capiscano che non si può semplicemente arrivare e vincere. Bisogna dare tempo al progetto. Questo è quello che in passato molti costruttori hanno semplicemente frainteso” ha concluso Wolff, facendo riferimento alle fallimentari esperienze di marchi quali Toyota e BMW”.

Fonte: https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/f1-team/wolff-avverte-porsche-non-possono-chiedere-di-vincere-subito-f1-mercedes-audi-ferrari-renault-honda-volkswagen-2026-591330.html

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: