Williams torna in Portogallo, terra di trionfi

Williams torna in Portogallo, terra di trionfi

Tre vittorie nelle ultime tre edizioni, cinque nelle ultime sei. Purtroppo però, parliamo di 24 anni fa. Il ritorno nel calendario iridato della Formula 1 del GRAN PREMIO DEL PORTOGALLO, che si disputerà questo weekend sul circuito di Portimao, rievoca bellissimi ricordi alla WILLIAMS. Oggi fanalino di coda della griglia di partenza, all’inizio ed a metà degli anni ’90 il team fondato da Frank Williams era nettamente la forza dominante del Circus. La scuderia di Grove in particolare aveva uno splendido rapporto con il vecchio tracciato dell’Estoril, nel quale le monoposto del team britannico hanno ottenuto ben sei vittorie complessive.

 Class from Jacques Villeneuve 👌#PortugueseGP 🇵🇹 #F1  pic.twitter.com/wH41HPBlP2    — Formula 1 (@F1) October 20, 2020

Jacques Villeneuve, David Coulthard, Damon Hill, Nigel Mansell e Riccardo Patrese sono i nomi degli ultimi cinque vincitori del GP di Portogallo al volante di una Williams: un filotto ininterrotto dal 1991 al 1996, con l’eccezione del 1993 quando a vincere fu la Benetton di Michael Schumacher, nel giorno del quarto titolo iridato di Alain Prost, ottenuto neanche a dirlo con la Williams. Oggi ovviamente la situazione è completamente diversa. GEORGE RUSSELL e NICHOLAS LATIFI sono entrambi ancora alla caccia del primo punto stagionale, in un momento particolare della stagione nel quale – per motivi diversi – il sedile di entrambi è in bilico.

 Mercato 2021, mai così ‘silly’

“Non vedo l’ora che arrivi il Portogallo perché è un circuito nuovo nel calendario di quest’anno – ha spiegato il giovane pilota inglese – è una pista davvero fantastica e non ci corro dal

  1. Il tracciato è molto ondulato e con molto ‘carattere’, che è ciò che tutti i piloti amano. Sarà una sfida per tutte le squadre, che non hanno dati precedenti su cui contare“. Una SITUAZIONE DI INCERTEZZA che Russell spera possa aiutarlo ad avvicinare la tanto agognata top-10. “Entusiasta” di scendere in pista in Portogallo si è detto anche il suo compagno di box, Nicholas Latifi: “Ci sono stato solo una volta per dei test, anni fa – ha rivelato il canadese – da quello che ricordo è molto tecnica, con saliscendi anche molto ripidi. Sembra di stare sulle montagne russe. DOVREBBE ESSERE MOLTO DIVERTENTE GUIDARCI. Sarà una nuova sfida per tutti trovare il setup, visto che la F1 non ci ha mai corso”.
Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: