Ricciardo: “Il Ring era invidioso di Imola”

Ricciardo: “Il Ring era invidioso di Imola”

Giornata INTERLOCUTORIA al Nurburgring dove per effetto della nebbia che ha impedito all’elicottero del soccorso di garantire il trasporto in ospedale in venti minuti al massimo non sono state disputate le due sessioni di prove libere del Gran Premio dell’Eifel. Una vera beffa per Mick Schumacher e per Callum Ilott, che avrebbero dovuto esordire in F1 nelle PL1 rispettivamente al volante dell’Alfa Romeo Racing e della Haas. Un peccato anche per la McLaren e per la Ferrari, entrambe le scuderie avevano infatti delle novità da testare in vista delle qualifiche e della gara.

 Sainz: “Noia odierna aumenterà il divertimento”

Appuntamento rimandato a domani e ai 60 minuti di PL3 in cui i team e i piloti dovranno prendere le misure con il tracciato tedesco in vista delle Qualifiche. Un assaggio del format di gara che era previsto per il Gran Premio dell’Emilia Romagna ad Imola sabato 31 ottobre (PL e Qualifiche) e domenica 1 novembre (gara al via alle 13.10). DANIEL RICCIARDO ha ironizzato proprio su questo aspetto: “Forse il Nurburgring era geloso del fatto che Imola sarebbe stata la prima ad inaugurare il format di gara spalmato su due giorni – le parole dell’australiano – ovviamente è un peccato non aver girato oggi, ma io personalmente non mi sento particolarmente danneggiato da questa situazione. Almeno per oggi sono rimasto asciutto. Mi dispiace per i tifosi giunti in circuito oggi, per fortuna domani le previsioni indicano la giornata meno plumbea del weekend e voglio ripagare gli spettatori offrendo un grande spettacolo in pista. Sarà interessante vedere come ci comporteremo in qualifica con così poco tempo per preparare la vettura”.

 Noia e chiacchiere

ESTEBAN OCON sottolinea che chi dimostrerà di avere il maggior spirito di adattamento trarrà sicuramente vantaggio da questo weekend compresso in tre sessioni: “Ovviamente il team che saprà leggere meglio le condizioni ed adattarsi di conseguenza potrà spendere in pista un discreto vantaggio – ha spiegato il francese – oggi è stato difficile vedere gli spettatori in tribuna consapevoli del fatto che molto difficilmente avremmo potuto dare loro lo spettacolo atteso. Ci rifaremo domani quando farà un po’ più caldo”.

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: