Red Bull: scarichi abbassati verso il diffusore

Red Bull: scarichi abbassati verso il diffusore

La RB16 si conferma una vettura in costante evoluzione. Nonostante il titolo costruttori sia stato conquistato dalla Mercedes e Lewis Hamilton sia prossimo alla conquista del settimo Mondiale, IN CASA RED BULL CONTINUANO A PORTARE AVANTI CON COSTANZA LO SVILUPPO DELLA MONOPOSTO. La RB16 infatti sarà protagonista in pista anche nella prossima stagione, con l’ambizioso obiettivo di provare a chiudere la forbice prestazionale dai campioni del mondo in carica.

Nel corso delle prove libere del fine settimana di Istanbul, Alex Albon e Max Verstappen hanno effettuato delle prove comparative con una DIVERSA INSTALLAZIONE DEGLI SCARICHI DELLA WASTEGATE, da cui vengono espulsi i gas in eccesso non sfruttati dal gruppo del turbocompressore. A differenza del proprio compagno di squadra, l’olandese ha girato con i due terminali di scarico collocati al di sotto del braccetto arretrato del triangolo superiore della sospensione posteriore. LA POSIZIONE RIBASSATA È FINALIZZATA A SFRUTTARE I GAS CALDI AD ALTA VELOCITÀ PER MASSIMIZZARE L’ESTRAZIONE DEI FLUSSI D’ARIA DAL DIFFUSORE, aumentando il livello di carico aerodinamico generato dal fondo vettura senza impattare sulle resistenza all’avanzamento.

Tradizionalmente, l’installazione dei due scarichi della wastegate al di sotto del triangolo superiore pone dei forti vincoli sulla progettazione della sospensione posteriore, impattando potenzialmente anche sulla gestione degli pneumatici. In occasione della gara al Nurburgring tuttavia, Red Bull aveva introdotto un nuovo disegno del gruppo sospensivo al retrotreno, caratterizzato dall’innalzamento dei braccetti superiori. Il bracket di aggancio al portamozzo nel lato del gruppo ruota inoltre presenta un’apertura che consente di soffiare aria al retrotreno. UNA POSSIBILE IPOTESI PERTANTO È CHE I TECNICI RED BULL ABBIANO SFRUTTATO LA NUOVA CONFIGURAZIONE DELLA SOSPENSIONE POSTERIORE, NEL DETTAGLIO IL TRIANGOLO SUPERIORE PIÙ IN ALTO, PER RIDISPORRE GLI SCARICHI DELLA WASTEGATE IN BASSO VERSO IL DIFFUSORE. Al contrario, non è da escludersi però che l’aggiornamento del Nurburgring sia stato studiato in funzione del successivo ricollocamento dei terminali di scarico.

 Red Bull ambiziosa con la nuova sospensione

La soluzione provata da Max Verstappen rappresenta una diversa filosofia nello sfruttamento dei gas caldi rispetto alla configurazione precedente, portata in pista a Istanbul da ALEXANDER ALBON. La RB16 del thailandese infatti presenta ancora i due terminali della wastegate sopra quello principale, puntando a interagire aerodinamicamente con l’alettone posteriore invece che con il diffusore.

Tra le altre monoposto del 2020 , la disposizione degli scarichi della wastegate al di sotto del triangolo superiore della sospensione richiama QUANTO PORTATO AVANTI DA INIZIO STAGIONE DALL’ALPHA TAURI. Anche diverse scuderie motorizzate Mercedes hanno provato a perseguire questa strada, ma in tutti i casi i terminali scavallano i braccetti della sospensione dall’alto invece che passarvi sotto.

Risulta difficile quantificare il vantaggio derivante dalla nuova disposizione degli scarichi in casa Red Bull, così come bisognerà attendere il proseguimento del fine settimana per valutare se la stessa soluzione verrà utilizzata anche in gara. LE PROVE COMPARATIVE CONDOTTE NEL VENERDÌ DI ISTANBUL TESTIMONIANO PERÒ ANCORA UNA VOLTA LA GRANDE DINAMICITÀ SUL FRONTE DELLA SVILUPPO DA PARTE DELLA SCUDERIA DI MILTON KEYNES, che dopo l’introduzione della nuova sospensione posteriore continua a dare prova di voler evolvere la vettura in altri aspetti oltre alle singole appendici aerodinamiche.

Fonte: https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/f1-team/formula1-red-bull-scarichi-abbassati-diffusore-max-verstappen-alexander-albon-gp-turchia-531330.html

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: