Mercedes, i pit stop sono un problema

Mercedes, i pit stop sono un problema

Nel GP dell’Emilia Romagna, dopo il duello perso al via alla curva del Tamburello e prima dell’errore alla Tosa che ha rischiato di comprometterne la sua gara, Lewis Hamilton ha avuto una sola vera occasione di superare Max Verstappen. L’opportunità si è presentata al momento della PRIMA SOSTA AI BOX, per il passaggio dalle gomme intermedie a quelle da asciutto. Il pilota della Red Bull ha anticipato la sosta, fermandosi al 27esimo giro, mentre Hamilton ha cercato di costruire in pista il gap sufficiente per tentare il sorpasso ai box. Il campione del mondo era arrivato ‘a tiro’ del rivale, ma le sue speranze sono state vanificate in occasione della fermata. L’operazione infatti è durata oltre quattro secondi, contro i due dell’olandese.

La RED BULL è ormai da anni la miglior scuderia della F1 in questo particolare aspetto. Diverse volte è riuscita a realizzare dei CAMBI GOMME SOTTO I DUE SECONDI e quasi ogni GP si porta a casa la palma di team più rapido nelle soste. La Mercedes invece in questo fondamentale appare non altrettanto competitiva. Lo ha dimostrato la stessa gara di Imola, con la sosta di Lewis Hamilton. Le ragioni della fermata ‘lunga’ sono state spiegate dal direttore tecnico del team ANDREW SHOVLIN, nel tradizionale video di ‘debrief’ pubblicato dalla squadra su YouTube. “È giusto dire che non siamo i migliori – ha ammesso l’ingegnere britannico – in particolare, però, nel caso della fermata di Lewis abbiamo avuto un problema con una delle pistole”.

Inconveniente tecnico al quale si è aggiunta la sfortunata congiuntura del TRAFFICO IN PIT LANE. “Per la fermata successiva abbiamo effettivamente utilizzato una pistola diversa e questo sembrava aver risolto il problema – ha aggiunto Shovlin – ma c’è stata anche una breve attesa. Abbiamo dovuto tenerlo circa quattro decimi in più perché Giovinazzi stava percorrendo la corsia box proprio nel momento in cui Lewis era pronto a partire. Stiamo perdendo tempo nei pit stop. È un’area su cui ci stiamo concentrando da un po’ di tempo – ha concluso il d.t. Mercedes – a Imola ci sono stati alcuni casi specifici che ci hanno penalizzato. Sul lungo periodo però stiamo guardando a ciò che possiamo fare con i meccanici e l’attrezzatura per recuperare un po’ di tempo“.

Fonte: https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/f1-team/mercedes-i-pit-stop-sono-un-problema-f1-imola-hamilton-verstappen-red-bull-giovinazzi-561472.html

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: