Mercedes-Bottas, i perché della strategia del Mugello

Mercedes-Bottas, i perché della strategia del Mugello

Nel GP di Toscana, disputato domenica scorsa sulla pista del Mugello, LEWIS HAMILTON ha centrato la sesta vittoria della sua straordinaria stagione, portando a 55 i punti di vantaggio sul compagno di squadra VALTTERI BOTTAS nella classifica iridata. Nel secondo appuntamento italiano il pilota finlandese le ha provate tutte per arginare il campione in carica, finendo per pagare a carissimo prezzo il sorpasso subito in occasione della seconda partenza. Durante il Gran Premio però Bottas ha provato anche a giocare con la strategia, invocando via radio al team “pneumatici diversi” rispetto a quelli che avrebbe montato Lewis.

 Bottas: “Prima o poi mi andrà bene”

La sua richiesta non è potuta però essere soddisfatta dalla squadra. Nel consueto video di debrief pubblicato dalla Mercedes sul proprio canale YouTube, il responsabile delle strategie JAMES VOWLES ha spiegato il perché: “Verso il 30esimo giro entrambe le auto erano su gomme medie. Ci aspettavamo di fermarci ancora una volta prima della fine della gara, ma abbiamo iniziato a notare che c’erano delle vibrazioni sulle gomme anteriori di Valtteri che stavano diventando sempre più significative. Ci ricordava quello che avevamo visto a Silverstone e questa volta volevamo evitare che si verificasse un incidente”.

 Bottas: “Poche opportunità per ripassare Lewis”

Questa sosta anticipata ha di fatto messo fine alle speranze di Bottas di poter sfruttare la carta della strategia a suo vantaggio: “Invece di fermare Lewis per primo, che aveva la priorità essendo davanti, abbiamo portato dentro Valtteri. Abbiamo esaminato quale sarebbe stata la migliore mescola per adattarsi a quella circostanza e visto che il degrado delle gomme medie era più alto del previsto, considerato che questo stint era stato leggermente più corto di quello che avremmo voluto e che avevamo un vantaggio sul resto del gruppo, abbiamo optato per la GOMMA DURA. Senza questo episodio avremmo fermato Lewis per primo e qualsiasi pneumatico avremmo montato, saremmo stati più che felici di dare qualcosa di diverso a Valtteri. Ma la sua sosta non era programmata. Siamo stati noi a reagire a un problema e di conseguenza siamo andati sul sicuro” ha concluso Vowles.

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: