Källenius: “F1 sì, ma taglieremo i costi”

Källenius: “F1 sì, ma taglieremo i costi”

La discussione sulla permanenza o meno della MERCEDES in Formula 1 rappresenta uno dei temi cruciali da chiarire per il futuro dell’intero sport. Dopo anni di vittorie a ripetizione, negli ultimi mesi non sono mancate le voci che vedevano come possibile una riduzione dell’impegno della casa tedesca nel Circus, con l’uscita di scena del team e la permanenza del marchio con il solo ruolo di motorista. L’annuncio dell’ADDIO DI HONDA alla fine del 2021 ovviamente non ha fatto altro che acuire l’attenzione su queste voci. In più occasioni però, il team principal di Brackley Toto Wolff ha sottolineato come l’intenzione di Stoccarda sia quella di restare a lungo in questo mondo.

 Wolff: “Mercedes non diventerà Ineos”

Oggi questa posizione è stata confermata anche dall’amministratore delegato OLA KÄLLENIUS, che ha ribadito in un incontro virtuale con i giornalisti le intenzioni di Stoccarda: “Abbiamo le stesse poche ragioni per uscire dalla Formula 1 che ha il Bayern Monaco per uscire dal calcio” ha scherzato il manager svedese, come riportato dal sito inglese Reuters. Tuttavia è inevitabile che il contesto mondiale attuale, dell’automobile e non solo, inviti anche Mercedes a fare delle riflessioni di un certo tipo, che Källenius non ha faticato ad ammettere. “L’impatto finanziario netto sarà dimezzato nei prossimi tre anni. Abbiamo un obiettivo di riduzione dei costi ancora più aggressivo in Formula 1 rispetto al resto dell’azienda” ha spiegato Källenius. Sarà interessare capire se questo particolare aspetto potrà o meno influire sul rinnovo dei contratti di Toto Wolff e Lewis Hamilton, in scadenza a fine 2020.

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: