Gasly, niente seconda chance in Red Bull

Gasly, niente seconda chance in Red Bull

Il podio a Interlagos 2019, la vittoria a Monza 2020. La rinascita di PIERRE GASLY dopo la mazzata della ‘retrocessione’ in Toro Rosso passa sì da queste due tappe emblematiche, ma ha vissuto momenti di altissima qualità in rapporto alle prestazioni parallele del suo compagno di squadra: non ultimo il recente Gran Premio del Portogallo a Portimão, chiuso al quinto posto grazie a tanti sorpassi e a una gestione magistrale della gomma più morbida.

 Ufficiale: Gasly resta in AlphaTauri

In molti all’interno del paddock si sarebbero aspettati una SECONDA POSSIBILITÀ IN RED BULL, soprattutto alla luce delle difficoltà sempre più evidenti di Alex Albon, ma i vertici della scuderia austriaca sembrano più orientati o verso una riconferma del thailandese (le origini asiatiche sono un biglietto da visita non trascurabile) o verso il pescaggio di un jolly esterno, nella fattispecie Nico Hulkenberg. Inoltre, il destino del francese all’interno del team che lo ha visto crescere sono state per un attimo messe addirittura in bilico, con l’ipotesi inserimento di Pierre nell’eventuale trattativa sui motori con la Renault, poi definitivamente caduta con l’annuncio della riconferma in AlphaTauri.

CHRISTIAN HORNER ha provato a spiegare le motivazioni che lo hanno spinto, insieme a HELMUT MARKO, verso questa decisione: “Pierre sta guidando molto bene, è a suo agio con la macchina e in un ambiente con meno pressione e meno aspettative. Le ambizioni dell’AlphaTauri sono ovviamente diverse da quelle della Red Bull e abbiamo visto che il binomio sta funzionando molto bene”.

“PENSO CHE LA NOSTRA VETTURA SIA PIÙ DIFFICILE DA GUIDARE RISPETTO ALL’ALPHATAURI, anzi è abbastanza chiaro. È molto più sensibile al posteriore e penso che ciò possa essere snervante per un pilota – ha aggiunto il team principal britannico – Max se la cava incredibilmente bene, altri piloti hanno lottato di più con questo aspetto. Questi non solo altro che i fatti: penso che se Albon fosse in un AlphaTauri probabilmente farebbe un lavoro molto simile a quello di Gasly, come abbiamo visto l’anno scorso. Non ho dubbi su questo. Si vede questo anche in altre scuderie, in Ferrari con Vettel e Leclerc, ma anche in Mercedes con Hamilton e Bottas”.

Horner ha poi confermato di fatto di valutare attentamente opzioni alternative per il secondo sedile 2021, ma LA PRIORITÀ RESTA ALBON: “Non penso che faremmo bene il nostro lavoro se non guardassimo alla situazione generale all’interno della Formula 1. Ovviamente abbiamo visto sul mercato piloti con esperienza e capacità significative, una situazione molto insolita. La nostra prima e più importante priorità è dare ad Alex l’opportunità di rivendicare quel posto. Non dimentichiamo che quando è saltato in macchina l’anno scorso, ha battuto Pierre in modo significativo nel bilancio del 2019. Quindi, se dovessimo scambiarli di nuovo dopo solo un anno, PERCHÉ DOVREBBE ANDARE DIVERSAMENTE?“.

Fonte: https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/f1-team/gasly-niente-seconda-chance-in-red-bull-horner-marko-albon-verstappen-hulkenberg-527969.html

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: