Ferrari, sovraffollamento giovanile

Ferrari, sovraffollamento giovanile

In una stagione difficilissima dal punto di vista dei risultati in Formula 1, la Ferrari sta però traendo soddisfazioni non da poco dai suoi giovani della FDA. Dopo aver fatto approdare nel Circus Charles Leclerc e Antonio Giovinazzi infatti, l’Academy del Cavallino punta a lanciare al ‘piano di sopra’ anche MICK SCHUMACHER, CALLUM ILOTT e ROBERT SHWARTZMAN, rispettivamente primo, secondo e quinto nel campionato di F2 attualmente in corso. È stato annunciato dalla stessa Ferrari che i tre potranno a breve prendere parte ad una sessione di prove libere durante un weekend di gara. Schumacher e Ilott gireranno al Nürburgring al volante di Alfa Romeo ed Haas, sostituendo rispettivamente Giovinazzi e Grosjean. Shwartzman invece guiderà ad Abu Dhabi.

 Vasseur: “Precedenza a Raikkonen e Giovinazzi”

La grande curiosità, a livello di mercato, è quella di capire quanti di questi tre talenti potranno salire in F1 già nel 2021. I sedili a cui si guarda sono proprio quelli di HAAS e ALFA ROMEO. La scuderia americana potrebbe liberarli entrambi, ma difficilmente inserirà più di un rookie al volante. Ancora più stretto il percorso in Alfa Romeo: se Raikkonen vorrà continuare, un posto è suo. Giovinazzi a questo punto si ‘giocherebbe’ il secondo con gli altri prodotti del vivaio, ma avrebbe il vantaggio dei due anni esperienza maturata col team da portare in dote. Tra i tre il favorito ad una promozione immediata pare Schumacher soprattutto se, come sembra probabile, dovesse VINCERE IL TITOLO IN F2.

 Schumacher, Shwartzman e Ilott con la SF71H a Fiorano – FOTO

Shwartzman all’inverso, essendo ancora un rookie in F2, potrebbe essere quello dei tre meno penalizzato nel restare in quel campionato un altro anno. LAURENT MEKIES, d.s. di Maranello e capo della FDA, ha tenuto a precisare che le presenze in PL1 dei tre piloti non dovranno essere vissute come una specie di ‘ELIMINATORIA’: “È un problema piacevole da avere ed è il genere di cose che vogliamo affrontare – ha spiegato, parlando al sito MotorsportWeek – i ragazzi stanno facendo un ottimo lavoro. Mick e Callum hanno fatto progressi significativi e sono in testa al campionato, Robert al suo primo anno se la sta giocando. Questo non è qualcosa che ci fa venire il mal di testa. Ci dà un sacco di possibilità e opzioni per il futuro ed è proprio per questo che abbiamo la FDA – ha puntualizzato Mekies – non siamo in vena di eliminatorie. Vogliamo assicurarci che continuino a crescere. L’abbiamo visto con Charles, con molti altri piloti eccezionali prima di lui, si tratta di sviluppare. Lo sviluppo non si ferma di certo quando si è alle porte della F1. Dobbiamo assicurarci di sostenerli in questo processo. È con questo spirito che costruiamo il nostro programma”.

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: