Da hero a zero

Da hero a zero

La RACING POINT ha sempre avuto gli occhi addosso quest’anno. Per motivi inizialmente legati alla competitività della macchina, poi per lo scandalo COPYGATE. Infine la questione legata ai contagi da CORONAVIRUS, passando dall’ingaggio di Sebastian VETTEL e l’appiedamento senza troppe cerimonie di Sergio PEREZ. Chi la pronosticava come potenziale seconda forza del campionato, basandosi esclusivamente sui test invernali, è rimasto deluso. Perché la Mercedes rosa non è mai stata in grado di raggiungere la zona-podio, se non a Monza, in una gara pazza. E a IMOLA, prima del folle pit-stop che ha precluso il terzo posto a Perez.

Una penalizzazione di 15 punti in classifica costruttori per aver copiato i condotti dei freni posteriori della MERCEDES 2019, sommata a incidenti, sfortuna e chiamate strategiche sbagliate. Così si spiega il caso-Racing Point, che a quattro gare dal termine del Mondiale è quinta con gli stessi punti della MCLAREN. Pur avendo una macchina che sia Renault che Woking definiscono nettamente migliore. Oltreoceano si usa l’espressione “FROM HERO TO ZERO“, usata in più contesti per definire quella situazione in cui un individuo passa dall’essere ammirato a finire nel dimenticatoio. La Racing Point vuole evitare questo spiacevole finale per un anno che lasciava presagire risultati ben più corposi.

 La rabbia di Perez: “Sosta senza senso”

“Non abbiamo ottenuto il massimo dalle ultime gare. Abbiamo un pacchetto competitivo e questo fa crescere le aspettative, dunque RITENGO SIA FRUSTRANTE AVERE MENO PUNTI DEL PREVISTO IN CLASSIFICA. NELLO SPORT, È FACILE PASSARE DA ‘HERO’ A ‘ZERO’, ma ogni battuta d’arresto è un’opportunità di apprendimento“, ha detto il team principal Otmar SZAFNAUER secondo quanto riportato da GPFans. “Sono fiducioso che non solo miglioreremo in queste ultime gare, ma le utilizzeremo come motivazione per il rush finale. SIAMO ANCHE STATI SFORTUNATI quest’anno, spero che la ruota possa girare nelle ultime gare. Ad esempio, l’incidente con Verstappen è costato a Perez il podio a Portimão e CON IL SENNO DI POI AVREMMO DOVUTO MANTENERLO IN PISTA A IMOLA. Per quanto riguarda Stroll, non dimentichiamoci che è salito sul podio e ha anche trovato un livello di costanza elevato. Ultimamente è stato vittima di situazioni in gran parte fuori dal suo controllo“.

Fonte: https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/f1-team/f1-racing-point-hero-zero-otmar-szafnauer-lance-stroll-sergio-perez-530792.html

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: