Binotto: “Un passo avanti”

Binotto: “Un passo avanti”

Gli uomini della FERRARI si erano presentati cauti nelle dichiarazioni a livello delle novità preparate a Maranello e portate in Russia a Sochi in un programma di step di sviluppo che prevede upgrade maggiori tra due settimane quando il Circus tornerà al Nurburgring per disputare il Gran Premio dell’Eifel. In qualifica la prestazione non è stata positiva, anche se la Q2 è stata decisamente concitata e Charles Leclerc probabilmente non è stato messo nelle condizioni di esprimere in pieno il proprio potenziale e quello della SF-1000.

 Mondiale Costruttori F1 dopo GP Russia 2020

In gara il monegasco invece ha portato la Ferrari al SESTO POSTO FINALE, sfruttando i k.o. di Carlos Sainz e Lance Stroll (di cui è stato in parte responsabile in una dinamica che i commissari di gara hanno giudicato da ‘no further action’, ovvero che non fossero gli estremi per prendere provvedimenti) effettuando un ottimo primo stint con le gomme medie in cui si è avvantaggiato anche del coriaceo lavoro da stopper di Sebastian Vettel nei confronti della Renault di Esteban Ocon. Renault e Racing Point hanno allungato sulla Ferrari grazie a Perez e alla doppia top-ten di Ricciardo e Ocon, ma lo zero della McLaren compatta un po’ di più le quattro scuderie in lotta per il podio in classifica costruttori.

 Leclerc: “Strategia giusta”

MATTIA BINOTTO, team principal della Ferrari, ha commentato così complessivamente il weekend russo: “Un passo avanti, almeno rispetto alle ultime gare, sia in termini di risultato che di competitività. Così si può sintetizzare il verdetto di questo fine settimana. Il sesto posto di Charles è arrivato al termine di una gara molto solida in cui ha tirato fuori il possibile dal pacchetto a disposizione: aggressiva nelle primissime battute e poi gestita con grande maturità per un pilota che deve ancora compiere 23 anni. Sebastian non è riuscito a finire in zona punti, rimanendo imbottigliato nel traffico nelle decisive fasi della partenza. Avevamo portato qui a Sochi alcuni piccoli aggiornamenti aerodinamici: niente di trascendentale in termini di prestazione, ma un passo nella giusta direzione di sviluppo della vettura. In un campionato in cui i rapporti di forza a centro gruppo sono molto ravvicinati BASTA POCO PER PROGREDIRE. Dobbiamo continuare in questa direzione ed è quello che faremo già dal prossimo appuntamento, fra due settimane al Nürburgring”.

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: