Binotto: “Possiamo solo migliorare”

Binotto: “Possiamo solo migliorare”

La FERRARI si appresta a disputare il GP NUMERO 1000 della sua storia al Mugello – circuito di sua proprietà – reduce da due weekend senza punti all’attivo su tracciati come Spa e Monza che avevano visto Charles Leclerc vincere nel 2019 alla guida della SF90. La SF1000 è una vettura lontana parente dalla sorella precedente. “Avevamo lo scorso anno un vantaggio di motore che oggi non abbiamo più – ha spiegato il team principal della Ferrari MATTIA BINOTTO intervistato dal TG3 – abbiamo sviluppato una macchina tenendo conto di un vantaggio che poi è sparito”.

 Ferrari: tutti gli errori dei presidenti

In classifica costruttori la Ferrari occupa il sesto posto alle spalle di Mercedes, Red Bull, McLaren, Racing Point e Renault. Uno scenario inimmaginabile alla vigilia del 2020: “Stiamo lavorando per migliorare. Abbiamo toccato il fondo e non si può che migliorare da qui in avanti”, ha aggiunto Binotto. Il team principal si affida alla determinazione di CHARLES LECLERC, chiamato a trascinare la Scuderia di Maranello fuori da sabbie mobili impreviste. “Leclerc deve affrontare la tempesta e aiutare il team a venirne fuori. Deve crescere ancora come persona, è un ragazzino di 22 anni, deve crescere come leader. Da responsabile della squadra mi rimprovero il fatto di non aver colto abbastanza presto le difficoltà di questa vettura. Servirà un po’ di tempo per tornare a lottare al vertice. Ne siamo consapevoli”, ha concluso il numero uno del muretto Ferrari.

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: