Binotto: “La parola crisi è sbagliata”

Binotto: “La parola crisi è sbagliata”

Leclerc e Vettel partivano in settima fila in 13esima e 14esima posizione nel Gran Premio del Belgio edizione 2020. I piloti della Ferrari hanno concluso nelle stesse posizioni sotto la bandiera a scacchi nonostante il ritiro di Carlos Sainz, che non ha potuto nemmeno prendere il via alla gara. A superare i due piloti della Scuderia di Maranello in gara è stato l’ex Kimi Raikkonen, al volante dell’Alfa Romeo cliente della Ferrari per quanto concerne la fornitura delle power unit. Il team principal del Cavallino Rampante MATTIA BINOTTO ha commentato così ai microfoni di Sky Sport F1 una domenica da dimenticare.

 Leclerc: “Sono frustrato, serve reagire”

“La parola crisi secondo me è sbagliata, quello odierno è sicuramente un bruttissimo risultato, che si inserisce all’interno di una stagione comunque molto difficile, lo sapevamo fin dai test invernali e anche con quello che è successo dopo con la riduzione delle opportunità di poter sviluppare a causa del Covid. Dobbiamo stringere i denti, costruire per il futuro e non c’è dubbio che SIAMO IN MEZZO ALLA TEMPESTA. Non significa essere in crisi. Sappiamo qual’è la nostra rotta e dobbiamo cercare di tenerla guardando avanti che è molto importante. Il risultato di oggi è molto deludente, non c’è nulla da dire. Siamo arrivati dove siam partiti. Questa pista richiede efficienza aerodinamica e richiede potenza, in questo momento ci mancano entrambe, è inutile nascondersi dietro a un dito”. 

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: