Binotto: “Il sesto posto non è accettabile”

Binotto: “Il sesto posto non è accettabile”

Dal timore di dover rintuzzare l’assalto dell’Alpha Tauri alla prospettiva di avere ancora carte importanti da giocare addirittura per raggiungere il terzo posto in classifica costruttori alle spalle di Mercedes e Red Bull. Il Gran Premio di Turchia ha cambiato la sceneggiatura per quanto concerne il finale di stagione della FERRARI. I 27 punti incamerati grazie al terzo posto di Sebastian Vettel e al quarto di Charles Leclerc hanno portato la Scuderia di Maranello a 24 punti dalla Racing Point, terza nella graduatoria riservata ai team con 154 punti rispetto ai 130 raccolti dalla Ferrari. In mezzo troviamo la McLaren a 149 e la Renault a 136.

 Il braccio di ferro sui prossimi motori

Con in palio ancora un massimo di 132 punti nell’ultima tripletta che farà calare il sipario sulla stagione 2020 della F1 tutto è possibile per queste quattro scuderie sopra citate. In ballo c’è il prestigio, ma anche una cospicua somma di denaro. Tre il terzo posto e il sesto, infatti, c’è una differenza di premi quantificabile in 20 milioni di euro. Una somma vitale per la McLaren e sicuramente non disdegnata da Racing Point e Renault. Per quanto riguarda la Ferrari, invece, il piazzamento in classifica costruttori è più una questione di prestigio che finanziaria. La SF-1000 ha palesato evidenti lacune a livello di power unit, ma anche progettuali.

 Tramonto di stagione

In questo ultimo terzo di stagione sono state apportate delle modifiche alla vetture soprattutto per quanto concerne la zona posteriore della monoposto, degli aggiornamenti che sono stati studiati dai tecnici di Maranello in ottica 2021, quando proprio il posteriore delle F1 subirà delle modifiche previste dal regolamento per cercare di diminuire l’escalation a livello di carico aerodinamico. Le novità hanno giovato alla SF-1000, che in Turchia si è difesa anche sul bagnato. MATTIA BINOTTO era assente all’Istanbul Park e molto probabilmente non sarà in Bahrain in questo fine settimana. Il team principal della Ferrari ha spronato i suoi uomini a proseguire il trend iniziato a Sochi: “Un sesto posto è difficilmente accettabile per la Ferrari – ha dichiarato il numero uno del muretto Ferrari secondo quanto riportato dalla testata svizzera Blick – spero che i progressi messi in mostra nelle ultime gare ci aiutino ad andare avanti”.

Fonte: https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/f1-team/binotto-il-sesto-posto-non-e-accettabile-ferrari-bahrain-mekies-533750.html

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: