Binotto e Seidl concordi: “Giusto correre, i piloti lo capiscono”

Binotto e Seidl concordi: “Giusto correre, i piloti lo capiscono”

Il programma del Gran Premio di Arabia Saudita PROSEGUIRÀ REGOLARMENTE, con tanto di prove libere 3, qualifiche e gara. Questa è la certezza che era emersa nella convulsa nottata di Gedda ed è stata poi confermata questa mattina dai vari comunicati diffusi da FIA, F1, organizzatori dell’evento e anche dalla GPDA, l’associazione dei piloti. Proprio dai 20 protagonisti principali del Circus è arrivataperò  la resistenza maggiore, capitanata – secondo le ricostruzioni fornite dalla Gazzetta dello Sport – da cinque piloti: Hamilton, Russell, Alonso, Gasly e Stroll. In questa situazione di notevole confusione, era molto attesa la conferenza stampa dei team principal, i quali sin da subito erano apparsi particolarmente compatti nell’intenzione di far procedere l’intero evento senza interruzioni.

Oggi a presentarsi di fronte alla stampa, come previsto dal calendario delle conferenze fornito dalla FIA, sono stati MATTIA BINOTTO, ANDREAS SEIDL e Mario Isola. I tre boss di Ferrari, McLaren e Pirelli. Nomi di notevole spessore all’interno del paddock che hanno cercato di fare il punto della situazione, partendo da un concetto fondamentale: LA DECISIONE CHE È STATA PRESA ERA QUELLA GIUSTA. L’argomentazione fondamentale usata dai vertici di Maranello e Woking è quella della sicurezza di tutti i membri del paddock, garantita dalle autorità saudite. “Lasciare il paese non era la scelta giusta” ha commentato Binotto. Seidl gli ha fatto eco: “La F1 è uno sport globale, un grande business. Abbiamo tutti interesse a far crescere questo sport. Allo stesso tempo, la sicurezza deve venire prima di tutto. Ho fiducia al 100% che la F1 prenderà la decisione giusta“.

Fonte: https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/f1-team/binotto-seidl-giusto-correre-610344.html

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: