Wolff a Vandoorne: “Essere riserva non è garanzia di scelta”

Wolff a Vandoorne: “Essere riserva non è garanzia di scelta”

Lo stop forzato di LEWIS HAMILTON, causato dal CORONAVIRUS, aveva immediatamente innescato il totonomi in vista dell’imminente GP di Sakhir. I contendenti più credibili per l’ambito sedile della Mercedes campione del mondo erano il pilota di riserva del team Stoffel Vandoorne e il giovane George Russell, talento dell’academy delle Frecce d’Argento, quest’anno impegnato in pista con la Williams. Toto Wolff ha voluto optare per il britannico, scegliendo di dare un senso alla filiera giovanile del team. Ovviamente VANDOORNE È RIMASTO DELUSO dalla decisione della Mercedes e non ha nascosto di essere rimasto ferito di non aver potuto coronare la sua attività di pilota di riserva della scuderia, iniziata con il duro lavoro al simulatore e proseguita con la presenza sui tracciati di tutto il mondo nell’arco di questa stagione.

 Vandoorne deluso: “Fa male non essere stato scelto”

Nel giovedì di Sakhir, Wolff ha voluto spendere un pensiero per il suo pilota, dimostrando di apprezzarne il talento e l’attitudine: “Stoffel sta andando alla grande in Formula E e quest’anno sta facendo un lavoro perfetto come pilota di riserva del team. Naturalmente è deluso di non essere in macchina in questo fine settimana. Capiamo e rispettiamo i suoi sentimenti, è un pilota e NON CI ASPETTIAMO SALTI DI GIOIA“. Il team principal Mercedes ha poi difeso le proprie ragioni: “Vandoorne è anche pragmatico e capisce le ragioni della nostra scelta. COME PILOTA DI RISERVA INIZI IL CAMPIONATO SAPENDO CHE POTRESTI ESSERE CHIAMATO A CORRERE, MA NON È UNA GARANZIA. C’è tutto un ruolo da svolgere lontano dalla pista sia al simulatore che nel lavoro di sviluppo. Stoffel è una parte importante della nostra famiglia“, ha concluso Wolff.

Fonte: https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/f1-piloti/wolff-vandoorne-essere-riserva-non-garanzia-hamilton-coronavirus-russell-mercedes-535805.html

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: