Vettel: “Non valeva la pena di lottare”

Vettel: “Non valeva la pena di lottare”

SEBASTIAN VETTEL si guarda davanti e vede una sfida chiamata ASTON MARTIN. Una di quelle che piacciono a lui, che ha accettato Red Bull e FERRARI quando non erano le migliori macchine del lotto. E ha provato a portarle in cima, riuscendoci con la casa di Milton Keynes ma non con Maranello. IL SUO PRESENTE, ANCORA PER POCHI MESI, SI CHIAMA FERRARI. E quindi oltre a guardare avanti, Seb può anche girarsi e tracciare un bilancio di ciò che è stato o ciò che poteva essere.

Vettel si è concesso a una lunga intervista per il podcast ufficiale della Formula 1, Beyond the Grip. Tanti gli argomenti affrontati dal tedesco, il quale ha confessato che con il senno di poi avrebbe affrontato certe situazioni con un piglio diverso: “Ci sono cose che avrei dovuto fare meglio. Altre, magari, avrei dovuto notarle prima. POI CI SONO STATE LOTTE CHE NON AVREI DOVUTO INGAGGIARE. Ma d’altra parte, credo che tutto quello che è successo mi abbia portato dove sono ora, non so se mi spiego. GUARDANDO INDIETRO, NON PENSO VALESSE LA PENA DI LOTTARE, però sono fatto così. Credo pure che avessi ragione in qualche battaglia che ho combattuto ma penso che alla fine è tutta esperienza“.

 Vettel, fallimenti e lezioni

A cosa volesse alludere Vettel con i riferimenti alle battaglie non è ancora del tutto chiaro. Tuttavia, è ovvio il riferimento a qualche divergenza di vedute con il box Ferrari, forse a livello di sviluppo della macchina. Per quanto riguarda la pista, il tedesco è tornato su uno degli episodi che hanno compromesso il Mondiale 2018, l’incidente di HOCKENHEIM: “In genere non parlo delle cose che succedono in pista. Perdere la macchina in quel Gran Premio con condizioni difficili, con pista a tratti asciutta e a tratti bagnata, MOLTI LO INDICANO COME UN PUNTO BASSO. Però da parte mia non voglio parlare di cose del genere“.

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: