Sainz: “Ferrari può ancora recuperare”

Sainz: “Ferrari può ancora recuperare”

CARLOS SAINZ è un pilota professionista al cento per cento, e dunque nella sua stagione d’addio in MCLAREN non manca di sperare in migliori risultati del suo team nei confronti della Ferrari, pur essendo diretto proprio a Maranello in vista del 2021. Lo spagnolo è coinvolto con la sua vettura Papaya in una lotta a tre per il terzo posto nei costruttori, insieme a RACING POINT E RENAULT. Mentre la Ferrari, sotto di 36 punti rispetto alla scuderia di Woking, potrebbe essere ancora una minaccia.

“Dipende da cosa faranno i due suoi piloti: avrebbero già dovuto recuperare tanti punti per essere vicini a noi. Ma in termini di velocità, abbiamo già visto al Nurburgring che LA FERRARI, IN OGNI MOMENTO E CON UN SINGOLO MIGLIORAMENTO, PUÒ SPAVENTARCI. Anche se ora non si preoccuperanno tanto della posizione finale nel campionato costruttori o delle altre squadre: quello che vogliono è recuperare ritmo sul giro e analizzare i problemi“, ha spiegato Sainz citato dal quotidiano connazionale AS.

 Sainz e le battute sulla Ferrari: “Riderò per ultimo”

Il 26enne madrileno ha poi raccontato degli ULTIMI SVILUPPI DELLA VETTURA, su cui hanno lavorato a Woking. “In McLaren abbiamo fatto molte analisi approfondite per scegliere le parti che abbiamo testato e che hanno funzionato meglio. All’interno di un ‘pacchetto’ ci sono molte componenti, basta che una non lavori bene perché il resto smetta di funzionare. Bisogna dunque stare attenti a capire dove va lo sviluppo perché una F1 è molto complessa. Infatti, curiosamente, la macchina di Monza è praticamente quella che ha guidato Norris al Nurburgring. Ed era vicino al podio“.

Ora giunge il momento di lavorare anche sul fianco degli AVVERSARI DIRETTI. Dice Sainz: “La Renault ha un paio di decimi di vantaggio su di noi. Ho l’impressione che ci possa essere un’altra opportunità di podio, anche se al momento Renault e Racing Point hanno più possibilità. Noi dobbiamo fare un passo avanti, dobbiamo metterci al quarto o quinto posto in gara, perché se uno dei tre davanti si ritira, abbiamo un podio. È una delle chiavi di questo campionato, perché nel 2019 il meglio che si poteva ottenere in una gara normale era un settimo posto e ora è un quarto. Solo le due Mercedes e Verstappen sono davanti. Mancano sei gare e non siamo poi così lontani“.

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: