Sainz e le battute sulla Ferrari: “Riderò per ultimo”

Sainz e le battute sulla Ferrari: “Riderò per ultimo”

In Formula 1 è battaglia aperta per il terzo posto. Cioè quello per cui si può lottare, perché il primo era fuori portata sin dall’inizio dell’anno e il secondo premierà con tutta probabilità la conferma della Red Bull. PER IL GRADINO PIÙ BASSO DEL PODIO LA BAGARRE COINVOLGE RACING POINT, RENAULT E MCLAREN, con il team di Woking che a sei gare dal termine occupa la quarta posizione. La Pantera Rosa ha scavalcato la scuderia ‘papaya’ al Nürburgring, approfittando del ritiro di Lando NORRIS, il primo stagionale per l’inglese. Ma i tre team sono in un fazzoletto: Racing Point 120, McLaren 116 e Renault 114. Quella che ha meno punti è anche la più in forma, mentre quella che ne ha di più vive turbamenti interni, vista la positività al Coronavirus di Lance e Lawrence Stroll. A questa lotta avrebbe dovuto partecipare anche la FERRARI, il prossimo team di Carlos SAINZ.

Sainz, nella conferenza stampa di apertura del weekend di PORTIMÃO, ha ribadito come le difficoltà della Rossa non lo preoccupino per il futuro. “LEGGO E ASCOLTO MOLTE BATTUTE SUL MIO PASSAGGIO IN FERRARI. Io sono un tipo scherzoso e ci rido sopra, come ho detto più volte. Ma voglio dire una cosa in più: SPERO DI POTER RIDERE PER ULTIMO, un giorno. Per quanto riguarda la mia stagione, sono stato molto sfortunato. Problemi di affidabilità, brutti pit-stop, forature, ME NE SONO CAPITATE DI TUTTI I COLORI IN QUESTO 2020. Ho perso la maggior parte dei punti a inizio stagione, quando Racing Point e Renault non erano ancora così forti. Dobbiamo continuare a lavorare“.

 McLaren-Renault, Seidl lancia la sfida

NORRIS deve rifarsi dopo lo zero della Germania. L’inglese non può permettersi di perdere ulteriore terreno da Daniel RICCIARDO se vuole puntare al quarto posto: l’australiano ha 78 punti contro i 63 del suo futuro compagno di squadra. Il riscatto va cercato su una pista del tutto nuova: “Ci ho girato solo in un test, ma non ricordo molto. Si è trattato della mia prima volta su una vettura di F1 (con la McLaren del 2011, ndr). È UN CIRCUITO BELLO, CON MOLTI DISLIVELLI. IL SECONDO SETTORE È MOLTO AFFASCINANTE, CON DIVERSE CURVE CIECHE. Devo reagire dopo lo zero di un weekend deludente. AL NÜRBURGRING ANDAVA TUTTO BENE, POTEVAMO COMBATTERE PER IL PODIO E NEL PEGGIORE DEI CASI SAREMMO STATI QUARTI. È un vero peccato, potevo ottenere molti punti“.

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: