Problemi di sicurezza

Problemi di sicurezza

Il fine settimana del Gran Premio di Turchia ha regalato a piloti ed appassionati una gara d’altri tempi, ricca di emozioni, errori, sorpassi e rimonte su un tracciato reso insidiosissimo dalla pioggia caduta nelle ore e nei giorni precedenti. Se la giornata di domenica ha fornito solo emozioni positive al paddock però, non lo stesso si può dire per le QUALIFICHE DEL SABATO. Il torrenziale acquazzone abbattutosi sull’Istanbul Park infatti ha costretto la direzione gara ad interrompere in diverse circostanze la sessione. Il momento peggiore tuttavia è stato vissuto in avvio di Q2, in seguito ad una decisione molto discussa direttore di gara MICHAEL MASI.

 FIA difende Istanbul

L’australiano infatti ha permesso alle vetture di entrare in pista in anticipo, nonostante i MEZZI DI SOCCORSO FOSSERO ANCORA ATTIVI nella via di fuga per rimuovere la monoposto di Nicholas Latifi, finito in testacoda nella parte conclusiva del Q1. Immediatamente nella mente di piloti ed addetti ai lavori sono tornati prepotenti a farsi vive le immagini del tragico incidente di Suzuka 2014, che costò la vita a JULES BIANCHI. Al termine della sessione lo stesso Masi ha riconosciuto l’errore, promettendo un’attenzione ancora maggiore alla questione in futuro. SEBASTIAN VETTEL però, tra i veterani del Circus, ha voluto ribadire la gravità dell’accaduto.

 Albon: “F1 fortunata oggi”

“Penso che siamo tutti esseri umani e gli errori accadono – ha commentato il quattro volte campione del mondo tedesco a margine del weekend turco – ma questo errore ha tolleranza zero. Ne siamo tutti ben consapevoli e sono molto fiducioso che non accadrà più in futuro. Ma ne parleremo sicuramente e cercheremo di capire le ragioni per cui è successo”. Sulla stessa linea di pensiero il suo compagno di squadra CHARLES LECLERC, grande amico di Bianchi: “Riguardo alla gru, ovviamente, credo che siamo rimasti tutti un po’ scioccati nel vederla. Parleremo tutti insieme nel prossimo briefing per evitare questo tipo di situazioni. NON C’È BISOGNO DI DIRE COSA È SUCCESSO IN PASSATO. Non dovrebbe succedere e dobbiamo fare in modo che non succeda più”.

Fonte: https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/f1-piloti/vettel-parleremo-di-quanto-successo-in-turchia-nel-q2-f1-leclerc-jules-bianchi-masi-532179.html

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: