Perez: “Podio perso? L’importante è che Grosjean stia bene”

Perez: “Podio perso? L’importante è che Grosjean stia bene”

Deve essere stata cocente la delusione di SERGIO PEREZ nel vedere il suo motore in fiamme a tre giri dalla bandiera a scacchi, mentre stava per centrare il suo secondo podio consecutivo in questa stagione. Un sogno infranto per il messicano e per la RACING POINT, che vede seriamente compromessa la possibilità di chiudere al terzo posto nei Costruttori considerando anche lo zero di Stroll e il bel bottino di punti della McLaren, ora a +17 a due gare dalla fine.

 LAP 54/57@SChecoPerez was P3 – and a second consecutive podium was  in reach    And then this happened 💔#BahrainGP 🇧🇭 #F1  pic.twitter.com/qkXhMhs62L    — Formula 1 (@F1) November 29, 2020

Il risultato di Sakhir, però, passa senza dubbio IN SECONDO PIANO DOPO L’INFERNO VISSUTO DA ROMAIN GROSJEAN al primo giro, che ha fatto tenere tutti con il fiato sospeso per pochi ma interminabili minuti.

“È davvero difficile per me e per la squadra accettare questo risultato, ma nell’economia generale delle cose diventa quasi irrilevante dopo l’incidente di Romain in partenza. In fin dei conti, PER ME È UN PODIO O UN TROFEO IN PIÙ O IN MENO, MA L’IMPORTANTE È CHE GROSJEAN SIA ANCORA CON NOI E CHE STIA BENE. Gli faccio i miei migliori auguri – ha dichiarato Perez al termine della corsa – Sicuramente è stato difficile tornare in macchina dopo aver visto una cosa del genere, ma in questi casi bisogna solo concentrarsi e prepararsi per la gara. Penso che abbiamo fatto una corsa perfetta e il podio era sicuramente il giusto premio. È stato terribile ritirarsi a tre giri dalla gara a causa di un PROBLEMA ELETTRICO DELLA MGU-K. Stavamo per finire davanti a una Red Bull e a una Mercedes, che è un grande merito per tutti noi, e avevamo fatto un ottimo lavoro anche per tutto il fine settimana. Oggi abbiamo perso alcuni punti davvero importanti, il che rende tutto un po’ più difficile nella lotta per il Campionato Piloti e Costruttori, ma il lato positivo è che ci sono ancora due gare da completare”.

Piccolo spavento anche per LANCE STROLL subito dopo la ripartenza: il canadese è finito a testa in giù dopo un contatto a bassa velocità con Daniil Kvyat, riuscendo subito ad uscire dalla sua macchina senza conseguenze. Il primo pensiero di Stroll è comunque per Grosjean: “Sono davvero contento che Romain sia riuscito ad uscire da quell’incidente, perché è stato spaventoso. Credo che tutti noi piloti in pit lane ci siamo dovuti fermare un attimo e resettare prima di rientrare in macchina, pensando sicuramente a lui. Passando alla gara, è stato senza dubbio FRUSTRANTE PER ME. Abbiamo fatto due punti da Monza in poi, con una serie di incidenti che mi hanno coinvolto senza che avessi delle colpe. A un certo punto di questa stagione eravamo quarti nel campionato Piloti dopo un inizio molto forte, e questo rende la situazione attuale ancora più frustrante. Non posso dire molto dell’incidente, stavo affrontando la curva 8 ed ero a metà curva quando sono stato colpito da Kvyat, che è sbucato dal nulla colpendomi. L’INCIDENTE È APPARSO PEGGIORE DI QUANTO NON FOSSE EFFETTIVAMENTE STATO: sto bene, e Daniil ha ricevuto una penalità. È inutile pensare a quello che sarebbe potuto essere oggi o negli eventi precedenti. Non ci soffermeremo su questo perché ora non possiamo farci niente. Abbiamo bisogno che questa enorme dose di sfortuna si esaurisca e ci concentreremo a tornare più forti la prossima settimana e a concludere la stagione in bellezza”.

Fonte: https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/f1-piloti/perez-podio-perso-importante-e-che-grosjean-stia-bene-racing-point-problema-elettrico-stroll-cappottamento-534910.html

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: