I rimpianti di Perez

I rimpianti di Perez

Non voleva lasciare la RACING POINt. E in questo momento storico chi vorrebbe, a pensarci bene? Però è il destino di SERGIO PEREZ, appiedato dal team in vista dell’arrivo di SEBASTIAN VETTEL nel

  1. Vero è che l’occasione di poter ingaggiare un quattro volte campione del mondo capita pochissime volte nella vita. Checo tuttavia sperava di mantenere il posto, considerandosi più competitivo di Lance Stroll. Che però è il figlio del boss Lawrence. E NON SERVIVA NEMMENO SAPER FARE 2+2 PER CAPIRE DALL’INIZIO CHI TRA I DUE PILOTI SAREBBE STATO BUTTATO GIÙ DALLA TORRE.

 Perez, fuoco sulla Racing Point

Perez, dopo l’ufficialità della separazione, ha sparato a zero sulla scuderia, accusandola di SCARSA TRASPARENZA nel processo decisionale. L’ex Sauber e McLaren è ora passato al secondo stadio di questo progressivo allontanamento: il rimpianto di ciò che poteva essere e non sarà. Guidare la futura Aston Martin, infatti, poteva avvicinarlo ancora di più alle posizioni di vertice: “SO CHE LASCERÒ UNA GRANDE MACCHINA CHE SI PROSPETTA FANTASTICA PER IL PROSSIMO ANNO“, queste le parole riportate da Motorsport Week. “Sicuramente la squadra sarà più forte nel 2021“.

“A questo proposito FA UN PO’ PIÙ MALE essere consapevoli di lasciare un’ottima vettura. Ma non si sa mai per quanto riguarda il futuro, le cose in Formula 1 cambiano molto rapidamente. Vediamo cosa il domani riserverà a entrambi“, ha concluso amaramente il messicano. Che non sembra avere grandi prospettive di miglioramento per il prossimo anno. A meno di scenari clamorosi e improbabili, che vedrebbero Lewis Hamilton fuori dalla MERCEDES per il 2021, l’opzione migliore sarebbe il secondo volante della RED BULL al fianco di Max Verstappen. Ipotesi scolastica, considerando la ritrosia di Chris Horner ed Helmut Marko ad acquisire piloti cresciuti all’esterno di Milton Keynes e la concorrenza di Albon e Gasly. Le speranze di rimanere in Formula 1 sembrano dunque legarsi ad Alfa Romeo e Haas, due scuderie in enorme difficoltà. Chissà se il messicano accetterà questa “retrocessione”.

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: