Hamilton: “Io e Ferrari mai davvero vicini”

Hamilton: “Io e Ferrari mai davvero vicini”

“Sebastian Vettel è il nostro Cristiano Ronaldo”. Così LOUIS CAMILLERI, fresco di nomina in qualità di amministratore delegato della Ferrari, a Monza nel 2018 spese parole importanti per il pilota tedesco, il quale, però, fallì in maniera netta nel fine settimana di casa per la Scuderia di Maranello. In qualifica Kimi Raikkonen firmò la pole polesition e al via alla Prima Variante non lasciò strada al ‘capitano’, il quale, attaccato da Lewis Hamilton all’esterno, finì in testacoda alla Variante della Roggia. Un errore che mise in salita la gara vinta proprio dal pilota Mercedes, che rispose così all’affermazione di Vettel in Belgio, rimettendo il campionato in maniera definitiva sulla via di Brackley.

 Binotto: “Sainz, profilo ideale per doti tecniche e  caratteriali”

Il nome di Lewis Hamilton è stato accostato a quello della Ferrari in diverse occasioni negli ultimi mesi, in quella che poteva essere appunto un’operazione ‘alla Cristiano Ronaldo’ per la Ferrari come lo è stato per la Juventus nel calcio. MATTIA BINOTTO e i vertici della Rossa, però, hanno preferito percorrere altre strade innanzitutto prolungando il contratto di CHARLES LECLERC al termine della scorsa stagione fino al 2024. Poi, la seconda mossa è stata individuare un compagno di box giovane, ma al tempo stesso già piuttosto esperto. E l’identikit ha risposto al profilo di CARLOS SAINZ, che sarà un pilota Ferrari fino al 2022.

 Mercedes, sfottò social: “Ferrari è sempre dietro Lewis”

Nel fine settimana appena andato in archivio in Turchia Hamilton e la Ferrari sono stati di nuovo ASSOCIATI SUI SOCIAL in quella che è stata una polemica soft. La Mercedes ha postato una foto del sette volte iridato con sullo sfondo lo stemma della Ferrari. Nel momento in cui un utente ha posto l’accento su questo elemento il team di Brackley ha sottolineato che la Ferrari è sempre dietro a Hamilton. Dal canto suo, la Scuderia di Maranello ha incassato con classe e ha risposto da par suo, ovvero ricordando che spesso Hamilton sale anche sopra a delle Ferrari, anche se non si tratta di monoposto da F1.

 Duello social, Ferrari replica a Mercedes

Ma quanto è stato davvero vicino Hamilton a vestirsi di rosso? Il pilota inglese ha trattato l’argomento in un’intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport: “MAI DAVVERO VICINO. Abbiamo parlato in qualche occasione, ma non siamo andati oltre il capire che opzioni ci fossero sul tavolo, e non erano quelle giuste. Le nostre posizioni non si sono mai allineate, credo che il tempismo conti e le cose alla fine succedano per un motivo: nelle ultime stagioni il mio contratto scadeva sempre in anni diversi da quello di tutti gli altri piloti. Alla fine è andata così”.

 Wolff: “Adesso Hamilton costerà di più”

A proposito di contratto, ora Hamilton e la Mercedes dovranno discutere il RINNOVO dato che il legame tra Lewis e la casa della Stella a tre punte scade al termine del 2020. La permanenza in F1 nel 2021 non è in dubbio, anche perché la prossima può essere la definitiva stagione della leggenda per Hamilton. Se il rinnovo comprenderà anche il 2022, allora in caso di contratto di biennale l’inglese sarà ‘allineato’ con la scadenza dell’accordo siglato da Sainz con la Ferrari. Una prima condizione che potrebbe avvicinare in futuro Hamilton e la Rossa, più di quanto non sia accaduto sino ad ora.

Fonte: https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/f1-piloti/hamilton-io-e-ferrari-mai-davvero-vicini-contratto-leclerc-sainz-cristiano-ronaldo-532234.html

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: