Hamilton-Ferrari: “Iconica, ma non rispecchia miei valori”

Hamilton-Ferrari: “Iconica, ma non rispecchia miei valori”

Quello tra la FERRARI e LEWIS HAMILTON è il classico incrocio di mercato che non ha mai trovato il giusto allineamento di pianeti per andare in porto. Sin da giovanissimo l’inglese è stato cresciuto da Ron Dennis e dal gruppo McLaren-Mercedes, esordendo con il team di Woking nel 2007 con risultati straordinari. Nel periodo più difficile della carriera di Hamilton, a cavallo tra le stagioni 2011 e 2012, la rossa era in piena ‘era Alonso’ e non avrebbe né voluto né potuto inserire un altro peso massimo in squadra. Poi per il ragazzo di Stevenage si sono aperte le porte Brackley e da allora è sempre apparso improbabile pensare ad un cambio di casacca di Hamilton.

 Stipendi 2020: domina Hamilton, Leclerc è quinto

L’unico spiraglio si sarebbe potuto avere forse nel 2016, dopo la sconfitta mondiale patita da Nico Rosberg, ma il successivo immediato ritiro del tedesco fece tornare il sereno tra Hamilton e la Mercedes. Il sette volte campione del mondo non ha mai negato di essere stato – come tutti i suoi colleghi – affascinato dalla ‘macchina rossa’. L’OPPORTUNITÀ DI UNO SBARCO A MARANELLO TUTTAVIA NON SI È MAI PRESENTATA. Nel corso di una lunga intervista rilasciata al magazine GQ però, l’inglese è entrato più nel dettaglio dei suoi sentimenti verso il Cavallino Rampante.

 Hamilton punzecchia la Ferrari sul razzismo

“Io in Ferrari? Non succederà, io credo. Sono sempre stato positivo verso la Ferrari – ha sottolineato Hamilton – ho visto Michael vincere lì. Sono sempre stato un fan della Ferrari. Ricordo che una delle prime auto che ho comprato è stata una Ferrari. Penso che sia una squadra e un marchio estremamente iconico”. Verso Maranello però, Hamilton nutre anche qualche PERPLESSITÀ: “Nella mia epoca ci sono state cose che ho visto nelle quali non vedo necessariamente rispecchiati i miei valori ed il mio approccio – ha puntualizzato Hamilton – tuttavia immagino che ogni pilota abbia sognato come sarebbe stato sedersi nell’abitacolo rosso. Non voglio mancare loro di rispetto, ma quando mi ritirerò voglio lavorare con Mercedes per aiutarli ad essere ancora migliori nel mondo esterno” ha concluso.

Fonte: https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/f1-piloti/hamilton-ferrari-iconica-ma-non-rispecchia-i-miei-valori-f1-mercedes-schumacher-533988.html

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: