Hamilton: “Adoro la pista, ma devo migliorare”

Hamilton: “Adoro la pista, ma devo migliorare”

Il primo approccio con il circuito del Mugello per LEWIS HAMILTON è stato buono, ma non ottimo. Il campione del mondo di casa Mercedes infatti in queste prime due sessioni di prove libere del GP della Toscana è stato sempre preceduto, al mattino così come al pomeriggio, dal compagno di squadra VALTTERI BOTTAS. L’inglese però, nonostante qualche aspetto da migliorare nella comprensione del tracciato, è apparso entusiasta della possibilità di guidare in questa pista iconica: “Devo dire che è piuttosto intensa. Veloce, impegnativa, è incredibile da provare. La adoro – ha confessato il sei volte iridato a fine giornata – qui non c’è tempo per scherzare“.

“È una delle piste più impegnative nella quale ho guidato da diverso tempo. Oggi ho cercato di spingere al limite, ma credo che ci siano alcuni tratti in cui posso migliorare – ha ammesso ancora Hamilton – l’ultimo settore è stato abbastanza ordinato, ma POSSO FARE SICURAMENTE DI PIÙ NEL PRIMO E NEL SECONDO SETTORE, perché Valtteri e Max sono stati molto veloci. Ci sono quindi alcuni cambiamenti da fare e da studiare per stasera. Speriamo di migliorare per domani. Le gomme si sono comportate bene, ma sarà difficile gestirle nei tratti veloci, in particolare nelle Curve 6, 7, 8 e 9″. Più soddisfatto il suo compagno, VALTTERI BOTTAS, primo in entrambi i turni odierni.

“Oggi mi sono divertito molto e mi sono goduto ogni singolo giro – ha sottolineato il finlandese – l’intero tratto iniziale con le chicane ad alta velocità ed il secondo settore sono semplicemente incredibili. La macchina è andata abbastanza bene. Ho lottato con un bel po’ di sottosterzo nella prima sessione e ce n’era ancora nella seconda, ma mi sono sentito meglio. PENSO CHE CI SIA ANCORA DEL MARGINE A LIVELLO CRONOMETRICO, sia per la macchina che per me come pilota. Questa pista è sicuramente una delle più impegnative dal punto di vista fisico. Ne vedremo gli effetti solo sulla distanza di gara, ma anche oggi lo sentivo e sarà dura per tutti domenica. Ha poco margine di errore ed è così che dovrebbe essere” ha concluso Bottas.

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: