Una gara da “fuori di testa”

Una gara da “fuori di testa”

“Credo che in qualifica i tempi saranno racchiusi in un secondo, perciò ogni piccolo errore potrebbe costare diverse file sulla griglia di partenza”. GEORGE RUSSELL sta già iniziando a pregustare la seconda delle due gare in programma in Bahrain. Rispetto al Red Bull Ring e a Silverstone, gli altri due tracciati che hanno ospitato le precedenti ‘doppiette’ di questo campionato 2020 di F1 in Bahrain si sfrutterà la possibilità di correre su layout differenti. In questo fine settimana si gareggerà sul circuito classico, poi la settimana successiva invece verrà adottata una versione completamente nuova, la più veloce possibile con la pista che per certi versi assomiglierà a una sorta di ovale anche se mancheranno le curve ad alta velocità che caratterizzano gli speedway.

 Pirelli: “Sakhir sfida interessante”

I rettilinei saranno tre, di cui due lunghissimi, e quindi secondo Russell ci sarà parecchia confusione specialmente sabato in qualifica: “Tutti cercheranno una scia, non so nemmeno se ci sarà spazio a sufficienza per 20 auto in Q1 impegnate in un giro veloce. Di sicuro la gara sarà divertente e bizzarra. Un fine settimana da ‘fuori di testa’, sicuramente il più PAZZO dell’anno”. Per Russell, inoltre, la seconda gara in Bahrain sarà forse l’ultima grande occasione per raccogliere qualche punto alla luce di una pista in cui la power unit sarà l’elemento preponderante.

 Una pista sotto i 55 secondi

Lando Norris ha paragonato il layout che verrà utilizzato in Bahrain nel secondo weekend di gara al tracciato inglese di THRUXTON, che i piloti inglesi conoscono bene perché inserito nel calendario dei campionati nazionali inglesi (ci ha corso anche Lewis Hamilton). “È una pista corta, veloce, con curve da fare in pieno”, ha spiegato il pilota McLaren.

Carlos Sainz non si aspetta grandi difficoltà nel trovare il limite su una pista che presenterà pochissime curve ‘nuove’ in più. La sfida vera sarà per i tecnici nel trovare il giusto COMPROMESSO a livello di assetto: “In fin dei conti le curve inedite per noi saranno due – ha spiegato lo spagnolo – e sarà semplice trovare il limite. La vera sfida toccherà ai tecnici che invece dovranno trovare il giusto equilibrio con vetture a basso carico aerodinamico per favorire al massimo la velocità di punta”.

Fonte: https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/una-gara-da-fuori-di-testa-bahrain-ovale-russell-norris-drs-sakhir-533526.html

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: