Spa, barriere modificate dopo incidente Hubert-Correa

Spa, barriere modificate dopo incidente Hubert-Correa

Nella storia del motorsport purtroppo è accaduto frequentemente che ad insegnare di più sulle questioni della sicurezza siano state le tragedie. Considerando solo gli anni più recenti, la Formula 1 è cambiata profondamente dopo la morte di Ayrton Senna ed ha fatto lo stesso dopo la scomparsa, nel 2015, di Jules Bianchi, introducendo ad esempio lo strumento della Virtual Safety Car. Il terribile schianto che lo scorso anno in Belgio è costato la vita al pilota francese di Formula 2 ANTHOINE HUBERT, provocando contestualmente anche il grave ferimento di Juan Manuel Correa, ha avuto il medesimo effetto. Quest’anno infatti le misure di sicurezza sulla pista di SPA-FRANCORCHAMPS sono state modificate, proprio nella zona in cui ebbe luogo l’incidente.

 Tyre barrier changed at scene of Hubert’s fatal crash | 2020  Belgian Grand Prix https://t.co/OdSZ8fpd6a    — Fritz-Dieter Rencken (@RacingLines) August 26, 2020

Le barriere di gomma sulle quali sbatté Hubert 12 mesi fa in occasione del drammatico impatto che gli costò la vita sono state infatti riadattate. A mostrarlo è questa foto pubblicata anche tramite tweet da un articolo dal sito inglese RaceFans.net. La fila di quattro pneumatici che divide i piloti dal muro è stata infatti allungata nel tratto in uscita dalla curva del Raidillon.

Precedentemente la barriera all’uscita della curva quattro aveva quattro file di pneumatici per gran parte della sua lunghezza, ma poi si ‘riduceva’ con DUE SOLE FILE nel punto in cui l’antica uscita della corsia box si univa alla pista. Quello è proprio il settore in cui avvenne il primo impatto di Hubert, a seguito del quale la vettura rimbalzò successivamente in pista venendo poi travolta dal sopraggiungente Correa. Lì ora è stata ampliata la protezione.

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: