Si impara dagli errori

Si impara dagli errori

L’occasione era di quelle ghiottissime: per iscriversi anche lui al novero dei piloti andati a podio in questa stagione, per completare al meglio una gara da protagonista e per rilanciare la sua candidatura in ottica 2021 come pilota meritevole di un sedile. SERGIO PEREZ ad Imola ha disputato una delle migliori gare della sua stagione e, dopo lo sfortunato ritiro di Max Verstappen, avrebbe meritato di salire sul terzo gradino del podio. E ci sarebbe anche riuscito, molto probabilmente, se non fosse stato per il suo team. Richiamato ai box al momento dell’ingresso in pista della Safety Car, Perez è precipitato DAL TERZO AL SETTIMO POSTO, tornando in pista con gomme morbide.

 Ricciardo: “Al pit stop di Perez ho sorriso”

L’ambizioso piano di rimonta pensato dalla squadra inglese però non ha funzionato su una pista difficile come quella di Imola. Perez così ha chiuso la gara in sesta piazza, con tanto amaro in bocca. Chi sulle strategie azzeccate ha costruito buona parte della sua reputazione in F1, ROSS BRAWN, ha provato ad analizzare il vistoso pasticcio del team in rosa nel suo editoriale sul sito ufficiale della Formula 1. L’errore principale, secondo l’ingegnere britannico, è stato proprio quello di non tenere in conto quanto difficili siano i sorpassi sul tracciato del Santerno.

 La rabbia di Perez: “Sosta senza senso”

“La decisione della Racing Point di fermare Sergio Perez sotto la Safety Car, quando era in terza posizione, gli è probabilmente costata il podio – ha sentenziato Brawn, tessendo le lodi del nativo di Guadalajara – CHECO È UN PILOTA CHE SA GESTIRE LE GOMME IN MODO ECCEZIONALE, quindi se c’è qualcuno che può portare gli pneumatici fino alla fine difendendo la posizione, quello è lui. Bisogna ricordare poi che Imola è una pista in cui è molto difficile sorpassare. Penso che la squadra guarderà con molta attenzione a questa decisione – ha aggiunto l’ex d.t. della Ferrari – e al ragionamento che c’è dietro. Inevitabilmente, imparerà da questa decisione. Le chiamate che si fanno in gara non sono sempre giuste. Avrebbero potuto essere degli eroi. Ma era una richiesta difficile aspettarsi che Checo recuperasse quattro posizioni. Le gomme erano molto più consistenti del previsto, ma questo è diventato evidente durante la gara”.

Fonte: https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/strategie-racing-point-brawn-impareranno-da-questo-errore-f1-sergio-perez-ricciardo-imola-verstappen-529107.html

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: