Portimão, da Costa cerca un sedile

Portimão, da Costa cerca un sedile

Si guarda indietro ANTONIO FELIX DA COSTA, e vede una macchia nera sulla sua carriera. Si chiama FORMULA 1, categoria nella quale avrebbe voluto eccellere, come ogni pilota. Ma dove invece non ha avuto opportunità per sfondare. Solo qualche esperienza da collaudatore nel 2010 e nel 2012, rispettivamente in FORCE INDIA e in RED BULL. Il Circus per il portoghese è rimasto finora un sogno nel cassetto e da Costa si è comunque fatto le ossa nel DTM, in Formula Renault 3.5 e in Formula E.

 Da Costa, dal mancato approdo in F1 al trionfo elettrico

PROPRIO LA CATEGORIA FULL ELECTRIC GLI HA REGALATO LA RIBALTA A LIVELLO MOTORISTICO. Il passaggio in DS TECHETAAH è stato decisivo per il portoghese, che ha trovato la vettura adatta per sfruttare le sue qualità. Battuto il compagno di squadra (e campione in carica) Jean-Éric VERGNE e titolo piloti assicurato grazie a un sontuoso finale di stagione a Berlino. Forte di questa esperienza, da Costa vorrebbe aprire quel famoso cassetto: NON SI POSSONO CONTENERE I DESIDERI TROPPO A LUNGO, PRIMA O POI BISOGNA PASSARE ALL’INCASSO. PROPRIO PER QUESTO IL PORTOGHESE SI STA ATTIVANDO PER POTER PARTECIPARE (alle libere o durante tutto il fine settimana) A PORTIMÃO, secondo quanto riportato da The Race. Il weekend in questione è quello che va da 23 al 25 ottobre, assolutamente compatibile con i suoi impegni in Formula E.

 Da Costa, fame di vittoria

Se da Costa dovesse riuscire a partecipare all’evento, diventerebbe il primo pilota portoghese in F1 dai tempi di Tiago MONTEIRO, già suo manager, che ha partecipato alle stagioni 2005 e 2006.

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: