Motori ibridi nel futuro della F1

Motori ibridi nel futuro della F1

L’addio della Honda al termine del 2021 ha riacceso prepotentemente le DISCUSSIONI SUL FUTURO DELLE MOTORIZZAZIONI IN FORMULA 1. Secondo i regolamenti vigenti, le power unit attuali saranno protagoniste fino al termine 2025, quando sono programmati importanti modifiche atte a semplificare la parte tecnica, ridurre i costi e favorire l’ingresso di nuovi Costruttori.

La mossa di Honda, però, ha spinto la Red Bull ad intraprendere una battaglia attiva – mossa senza dubbio da necessità proprie – per anticipare l’introduzione di nuovi regole a partire già dal 2023 e ingolosire un nuovo partner (Porsche su tutti) a sposare il progetto di Milton Keynes.

 Brawn: “Spero che Honda torni nel 2026”

Tante idee per il momento, ma poche certezze: su tutte la ferma convinzione di puntare ancora sull’ibrido, al momento al centro dei piani futuri di tutto il mondo automotive. “La Formula 1 è stata a lungo una piattaforma utile a sperimentare elementi nuovi nel campo automotive – si legge in un comunicato diffuso dalla FOM lo scorso giovedì – Crediamo di avere l’opportunità di continuare ad esserlo grazie ad un CONCETTO DI MOTORE DI NUOVA GENERAZIONE CHE COMBINA LA TECNOLOGIA IBRIDA CON I CARBURANTI SOSTENIBILI. Per questo motivo, è stato istituito un gruppo di lavoro composto da membri scelti da Liberty Media e della FIA per studiare la formula di un motore per il futuro alimentato da carburanti sostenibili”.

Fonte: https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/motori-ibridi-nel-futuro-della-f1-commissione-fia-liberty-carburanti-sostenibili-2026-531237.html

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: