Mercato 2021, mai così ‘silly’

Mercato 2021, mai così ‘silly’

Che la stagione 2020 di Formula 1 non abbia nulla di normale ormai è assodato. Alla pandemia ed al calendario delle gare stravolto però, si sta aggiungendo un mercato piloti mai così pazzo e ricco di ramificazioni. La sensazione era quella di aver già visto tutto o quasi nella prima metà dell’anno, con l’effetto domino scatenato dall’addio di Sebastian Vettel alla Ferrari. Il passaggio di Carlos Sainz a Maranello, quello di Daniel Ricciardo in McLaren, il ritorno in F1 Fernando Alonso ad Enstone e l’approdo dello stesso pilota tedesco in quella che sarà l’Aston Martin però potrebbero essere stato solo un anticipo dei possibili ‘BOTTI’ DI FINE ANNO.

 Marko: “Noi in contatto con Hulkenberg”

A scatenare la maggior parte delle voci è la presenza sul mercato di due piloti ‘liberi’ dal piede pesante e dalla grande esperienza: NICO HULKENBERG e SERGIO PEREZ. Le comparsate del tedesco in Racing Point quest’anno hanno fatto saliere le sue quotazioni. La Haas è considerata una destinazione possibile, dato l’interesse di Gunther Steiner, ma ha fatto capolino recentemente anche l’affascinante opzione Red Bull. Hulkenberg ha infatti un ottimo rapporto con Max Verstappen. Le prestazioni di Albon stanno deludendo i vertici di Milton Keynes, che però – oltre che con l’eredità del loro vivaio – devono fare i conti con la parte thailandese della proprietà, che ovviamente gradirebbe la permanenza dell’idolo locale.

 Russell, il futuro è un punto interrogativo

Checo Perez, scaricato dalla Racing Point, in dote può portare al team che lo sceglierà anche un supporto economico non indifferente. Il messicano valuta anche altre categorie, ma sta prendendo quota anche l’opzione Williams. In questo caso a rischiare sono entrambi i piloti, ovviamente per ragioni diverse: nessuno può mettere in dubbio la netta supremazia a livello di guida di GEORGE RUSSELL su NICHOLAS LATIFI, ma il canadese ha alle spalle un supporto economico che a Grove può certamente fare comodo.

Voci di possibili scambi però aleggiano anche su due insospettabili, che teoricamente avrebbero dei contratti garantiti con i rispettivi team: PIERRE GASLY ed ESTEBAN OCON. Secondo il sito inglese RaceFans, la Renault sarebbe interessata a portare ad Enstone il vincitore del GP d’Italia 2020, in una replica della trattativa definita nel 2017 per arrivare a Carlos Sainz. Allora lo spagnolo rappresentò una sorta di conguaglio per l’addio della Toro Rosso ai motori Renault. Questa volta la ragione potrebbe essere quella opposta: il gruppo Red Bull potrebbe liberare Gasly in cambio di un riavvicinamento con la Losanga in vista del 2022, primo anno senza Honda dalle parti di Milton Keynes e Faenza.

Qualora dovesse andare in porto questo accordo a sorpresa, Ocon – sui cui Mercedes ha ancora delle opzioni – potrebbe tornare a fare il ‘terzo’ in Mercedes in attesa di capire quale sarà il futuro di Lewis Hamilton, oppure essere girato in Williams, permettendo così al team britannico di avere una line-up completamente nuova.

 Magnussen al 99,9% senza un sedile nel 2021

Infine c’è la questione Haas. Qualora non arrivasse Hulkenberg, potrebbe infatti esistere un piano ‘B’. Sempre al sito RaceFans GUNTHER STEINER ha risposto con un eloquente “tutto è possibile” alla domanda su una line-up 2021 composta interamente da rookie. Nel team americano infatti potrebbe trovare spazio Nikita Mazepin, a lungo accostato al team di Kannapolis nelle ultime settimane, e MICK SCHUMACHER. Qualora infatti l’Alfa Romeo finisse per confermare la coppia Raikkonen-Giovinazzi, il tedesco di scuola FDA potrebbe essere dirottato presso la scuderia di Gene Haas, sempre in virtù della partnership con la Ferrari.

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: