Masi (FIA) spiega il caos in avvio di Q2

Masi (FIA) spiega il caos in avvio di Q2

Nell’enorme confusione generata in pista dalle condizioni meteo presenti sul circuito dell’ISTANBUL PARK ieri pomeriggio, durante le qualifiche del GP di Turchia, a molti ha fatto storcere il naso l’idea di anticipare di qualche istante l’inizio del Q2. Dopo il tempo perso nel primo turno di qualifiche a causa delle diverse bandiere rosse, molti erano preoccupati del possibile arrivo dell’oscurità sul tracciato, che avrebbe impedito di portare a termine la sessione. Quando però le auto sono scese in pista per affrontare la seconda fase delle qualifiche, un VEICOLO DELLA SICUREZZA stava ancora lavorando a bordo strada per rimuovere la Williams di Nicholas Latifi, finita in testacoda alla fine del Q1 in Curva 8.

 Albon: “F1 fortunata oggi”

Complici anche le condizioni climatiche e quelle dell’asfalto, la mente è subito tornata al maledetto 5 OTTOBRE 2014 e all’incidente che costò la vita allo sfortunatissimo Jules Bianchi. In una Formula 1 che spesso – giustamente – fa ruotare tutto intorno al tema della sicurezza, questa è stata una distrazione non da poco. Intervistato dal sito Racer, il direttore di gara MICHAEL MASI ha spiegato come si è arrivati a questa controversa decisione: “Abbiamo fatto ripartire le vetture dalla corsia dei box mentre il mezzo di recupero si muoveva verso la via di fuga in seguito all’informazione che l’auto sarebbe stata rimossa dalla pista prima che le monoposto in uscita raggiungessero la Curva 8, dove si stavano svolgendo le operazioni di recupero” ha commentato l’australiano.

“Non appena è apparso evidente che il mezzo di recupero era stato ritardato nel rientrare completamente all’interno delle barriere – ha aggiunto il responsabile della FIA – ABBIAMO ESTESO L’AREA DELLE DOPPIE BANDIERE GIALLE, dalla Curva 8 fino al punto di ingresso di Curva 7, per rallentare ulteriormente le vetture. Chiaramente non è uno scenario che vogliamo vedere – ha ammesso Masi – e CON IL SENNO DI POI AVREMMO FATTO DIVERSAMENTE e avremmo tenuto le vetture ferme fino al completamento delle operazioni di recupero. Rivedremo le nostre procedure per ridurre al minimo la probabilità di incidenti simili in futuro“.

Fonte: https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/masi-fia-spiega-il-caos-in-avvio-di-q2-f1-gp-turchia-2020-istanbul-qualifiche-pioggia-531692.html

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: