Il gioco delle sedie

Il gioco delle sedie

Il MERCATO PILOTI 2021 della Formula 1 è tutt’altro che chiuso, a giudicare dalle indiscrezioni che giungono a proposito di una manciata di sedili marchiati FERRARI E HONDA. Con il gruppo dei piloti Mercedes ormai consolidato (comprese le scuderie clienti come Aston Martin, McLaren e Williams) e con le coppie Renault e Ferrari già annunciate da tempo, restano da decidere i posti in ALFA ROMEO, HAAS, RED BULL E ALPHA TAURI, dando per scontata la permanenza di Gasly nella scuderia di Faenza.

Una rivoluzione totale del sistema Marko potrebbe portare SERGIO PEREZ, fuoriuscito Racing Point, alla RED BULL: in quel caso non più come pilota dal consistente apporto economico, visto che la squadra di Mateschitz non ha bisogno di questo tipo di figura. Arriverebbe solo per il suo garantito stile di guida e per l’esperienza che ha accumulato in 10 anni di Formula 1. A farne le spese sarebbe Albon, mentre in ALPHA TAURI resisterebbe ancora Daniil Kvyat. Secondo questa ricostruzione ipotizzata da diverse testate, il movimento di sedili darebbe spazio a KEVIN MAGNUSSEN per un rinnovo con Haas, affiancato da MICK SCHUMACHER – che scalpita per salire di categoria dalla F2. Con il tedesco dagli americani, ANTONIO GIOVINAZZI manterrebbe il sedile in Alfa Romeo a fianco dell’eterno Raikkonen.

 Horner: “Newey e Verstappen restano in Red Bull”

Tuttavia mai come quest’anno sembra esserci una sovrabbondanza di talento e di valigie nel territorio dei sedili della Formula 1. Per la Red Bull avrebbe comunque senso tenere ALEXANDER ALBON per la sua quota thailandese e pure per l’aggressività che ha mostrato in determinate corse al netto di alcuni risultati poco brillanti soprattutto in qualifica. E non c’è dubbio che gli sponsor di Perez facciano gola a un team come la HAAS che anche quest’anno non ha un title sponsor. A proposito di soldi, per la squadra americana c’è anche l’opzione (pagante) NIKITA MAZEPIN, o CALLUM ILOTT nel caso Mick Schumacher andasse all’Alfa Romeo al posto di Giovinazzi. L’altro pilota di cui si parla è Yuki Tsunoda: il giapponese è in lizza per una sostituzione di Daniil Kvyat, ma la posizione del russo non appare troppo scricchiolante.

IL GIOCO DELLE SEDIE è in pieno svolgimento: con l’arrivo di ALONSO e con la probabile promozione di un pilota dalla F2 (i nomi, per ricapitolare, sono Schumacher, Ilott, Tsunoda, Mazepin), vedremo sicuramente dei piloti uscire dalla Formula 1 a partire dalla prossima stagione.

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: