Hülkenberg, sostituto di sostanza

Hülkenberg, sostituto di sostanza

NICO HÜLKENBERG non è un sostituto qualunque. Anche se nel 2020 nessuno ha voluto puntare su di lui per una stagione full time, il pilota tedesco vincitore a Le Mans ha mantenuto stretti rapporti con il paddock, e infatti è già stato richiamato tre volte a correre in questa stagione per sostituire i piloti Racing Point. Con la positività al Covid-19 di Perez e i problemi intestinali di Stroll, Hülkenberg ha potuto dimostrare che sul piano del passo e della velocità non ha nulla da invidiare ai titolari. Oltre ai punti, per altro, il tedesco HA ANCHE DATO UN FORTE CONTRIBUTO ALLA CRESCITA TECNICA della scuderia nonostante il limitato tempo a disposizione.

Infatti l’aggiornamento delle sospensioni che Racing Point ha recentemente introdotto sulla vettura è stato sollecitato dal feedback proprio di Hülkenberg. Nello specifico, il grosso di quel lavoro di affinamento è stato svolto durante le sue due apparizioni per il team a SILVERSTONE, come ha confermato il direttore tecnico ANDREW GREEN.

 Marko: “Noi in contatto con Hulkenberg”

“All’epoca aveva spiegato le cose che secondo lui sarebbero dovute cambiare, dandoci molto materiale riguardo al modo in cui impostiamo la macchina e alla sensazione che provava alla guida. Abbiamo fatto questi cambiamenti dopo Silverstone, non aspettandoci che tornasse di nuovo. Alla fine però è tornato davvero, e al Nurburgring abbiamo finalmente ricevuto il feedback su quegli sviluppi che abbiamo fatto sulla macchina grazie a lui. Quindi è stato davvero interessante e davvero importante per tutti noi“, ha spiegato Green.

Dato che Hülkenberg ha guidato la macchina solo brevemente nella Q1 sabato, non è stato in grado di dare una corretta valutazione dei cambiamenti della vettura fino alla fine della gara. Che per altro è andata molto bene visto che ha racimolato ulteriori punti per la rosea. Continua Green: “Non puoi adattarti a certi cambiamenti in quattro giri, che poi è effettivamente quello che ha avuto a disposizione sabato pomeriggio. Aveva bisogno di tempo in macchina, e in gara l’ha avuto. Il suo feedback è stato inestimabile“. NELLA CORSA DELLA RACING POINT AL TERZO POSTO NEL MONDIALE, questa gara da collaudatore ‘veloce’ potrebbe tornare davvero utile alla causa.

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: