Grosjean, l’emozione della mamma di Bianchi

Grosjean, l’emozione della mamma di Bianchi

L’ultimo pilota di Formula 1 morto in seguito a un incidente in gara è Jules BIANCHI, ma oggi 29 novembre l’elenco poteva aggiornarsi: in Bahrain è stata sfiorata una tragedia, con la Haas di Romain GROSJEAN divelta, spezzata in due dall’impatto con un guard rail nel corso del primo giro. Per fortuna il ginevrino sta bene, è uscito incredibilmente con le sue gambe dall’incidente. Lo ha salvato anzitutto l’HALO, il sistema che protegge la testa dei piloti introdotto nel 2018, quattro anni dopo lo schianto di Bianchi e nove rispetto all’incidente (per fortuna non mortale) di Felipe Massa in Ungheria.

 Incidente Grosjean, le immagini dell’impatto – FOTO

Si è emozionata, e molto, la mamma di Bianchi, che stava vedendo la gara di Sakhir: “LA FIA HA INTRODOTTO L’HALO DOPO L’INCIDENTE DI MIO FIGLIO, E L’HALO HA SALVATO LA VITA DI GROSJEAN OGGI. Questo è fantastico. Sono molto contenta che adesso stia bene“, ha detto al giornalista francese Julien Febreau.

 Hamilton: “Grosjean vivo, ringraziamo la FIA”

Tutto è accaduto nelle prime curve del circuito. Grosjean, non trovando spazio a sinistra, si è buttato sulla destra e ha toccato con la posteriore destra l’AlphaTauri di Daniil KVYAT. La Haas ha impattato contro il muro di protezione, sbattendo con il muso e spezzandosi in due parti. Inevitabile l’esplosione, ma il ginevrino – che non ha mai perso conoscenza – è stato rapidissimo a uscire dalla vettura malgrado le condizioni disastrose di quest’ultima e le fiamme che lo avvolgevano. A salvargli la vita, oltre che una incredibile dose di fortuna, anche l’HALO, il sistema che protegge la testa dei piloti: se non ci fosse stato, allora le lancette sarebbero tornate a 50 anni fa. Per incidenti simili, sono morti sul colpo Francois CEVERT ed Helmut KOINIGG rispettivamente nel 1973 e nel 1974.

Fonte: https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/f1-grosjean-emozione-mamma-bianchi-romain-jules-haas-kvyat-bahrain-534708.html

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: