Le stagioni più nere della Rossa

Le stagioni più nere della Rossa

La debacle della Ferrari in questa prima parte di 2020 emerge anche dai punti portati a casa da Vettel e Leclerc nelle prime sette gare: nonostante i due podi del monegasco, la Rossa ha una media di appena 8,7 punti a GP.

“«Come costruttore risultano chiare le ragioni di un mancato successo, mentre è meno facile giudicare quando va bene. È più facile comprendere le ragioni che hanno determinato la sconfitta». Lo sosteneva Enzo Ferrari nell’intervista fiume concessa a Enzo Biagi nel 1980, il punto più basso nella storia della Ferrari in F.1: nella classifica costruttori, la Scuderia di Maranello chiuse al 10° posto, con 8 punti, davanti solo all’Alfa Romeo. Nei 14 GP le Rosse patirono 11 ritiri, la mancata qualifica di Jody Scheckter in Canada e non andarono oltre tre quinti posti come risultato migliore. Il sistema di punteggio era però differente […] e utilizzando il meccanismo attuale avrebbe raccolto 61 punti.

Sessantuno sono curiosamente anche i punti che la Ferrari ha incamerato quest’anno: 45 con Charles Leclerc e 16 con Sebastian Vettel, […] e rappresentano il bottino più misero delle rosse da quando nel 2010 vige l’attuale punteggio: nel 2014 dopo 7 GP la Ferrari ne aveva 87, mentre nel 2012 i punti erano 97. In tutti gli altri casi era in tripla cifra dopo 7 gare. […] In ragione del modesto raccolto, la media punti per GP quest’anno è inferiore a 9 (8,71, per la precisione), inferiore alla peggiore degli anni Dieci […]

Quest’anno invece nella graduatoria costruttori la Ferrari è quinta, dietro non solo alla Mercedes […] e alla Red Bull, ma persino alla McLaren e alla Racing Point che pure ha incassato una penalizzazione di 15 punti […]. E subito dietro, ad appena 2 punti, c’è la Renault, grazie ai 23 punti totalizzati a Spa domenica. Insomma, il 5° posto che già appare un piazzamento poco consono alla storia e agli investimenti del Cavallino, potrebbe anche tramutarsi in 6°, amplificando ancora di più la disfatta di Mattia Binotto e dei suoi uomini.

LE STAGIONI PIÙ BUIE Fatta eccezione per l’infelice 1980, […] la Ferrari non ha mai fatto peggio del 6° posto nei costruttori […] 6° posto ottenuto nel 1962, 1969 e 1973, tre stagioni molto differenti tra loro. Nel 1962 disputò solo 6 GP, […] mentre 7 anni dopo chiuse sesta e ultima, con l’infelice 312 F1 dotata di alettone posteriore fisso: Chris Amon se ne andò infuriato a metà stagione. Nel 1973 invece, nonostante l’assenza ai GP Olanda e Germania, con il 6° posto finale la Ferrari precedette BRM, Shadow, Surtees, Iso-Marlboro e Tecno. Altre epoche, in una F.1 più artigianale, ma risultati in linea con la teoria dei corsi e ricorsi storici”.

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: