Grosjean riporta la Haas in Q2

Grosjean riporta la Haas in Q2

Un lampo di Romain Grosjean ha riportato – un po’ a sorpresa – almeno una HAAS nel Q2 del Gran Premio di Toscana, sullo splendido tracciato del Mugello. Il pilota francese, che sta lottando anche per cercare di tenersi un sedile in vista della prossima stagione, ha superato il taglio del Q1 – impresa non riuscita al compagno di squadra Kevin Magnussen, che scatterà in ultima posizione – trovandosi poi la strada sbarrata nella seconda sessione, dove non è riuscito a progredire oltre la 15esima piazza.

ROMAIN GROSJEAN: “Il Q2, come ho detto a Silverstone, è il nostro attuale obiettivo a breve termine per le qualifiche. Quindi, questo è l’aspetto positivo di oggi. I giri in Q2 però non sono stati così buoni. Non ho avuto una scia nel primo tentativo e ci è costato. Il giro è stato buono, ci mancava solo la velocità in rettilineo. Nel secondo tentativo invece alla prima curva devo aver preso una grossa raffica di vento e il retro della macchina si è completamente scomposto. Non posso dire per la gara come andremo. Ieri non ho fatto i long run per i problemi che avevamo sulla mia macchina. Sono abbastanza sicuro che le gomme avranno un momento difficile. Vediamo, almeno per noi, quanto sarà il surriscaldamento della superficie. Sono un po’ preoccupato, ma spero di sbagliarmi. Che pista però! Da curva 6 fino alla 10 sei sempre tavoletta: è spettacolare”.

KEVIN MAGNUSSEN: “Sono piuttosto sorpreso di essere dove sono. Non stavo andando male, la macchina è migliorata sempre in tutto il fine settimana. Quando ho fatto l’ultimo giro, pensavo che sarebbe andato tutto bene, non mi sono sentito troppo male. Alla curva sette ho visto partire una delle Williams nella ghiaia e c’era molto sporco e polvere in arrivo. Ho dovuto sollevarne un po’, il che forse mi è costato un decimo. Questo mi è costato l’ultimo posto, visto che qui siamo tutti vicini. C’è stata un po’ di sfortuna, ma onestamente pensavo fosse andata meglio di così. Vista la sorpresa di oggi, non essendo così competitivi come pensavamo, è difficile avere aspettative troppo grandi per la gara di domani. Come sempre, faremo il possibile per cercare di recuperare”.

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: