Binotto: “Sbagliare questa macchina il mio peggior errore”

Binotto: “Sbagliare questa macchina il mio peggior errore”

MATTIA BINOTTO si sente ben saldo alla guida del team Ferrari, nonostante i risultati deludenti. La SF1000, nata per combattere la Mercedes sfruttando le capacità del motore, è stata fermata dalle direttive tecniche Fia e dalla poca lungimiranza nel lavorare, anziché su una sola area, sui diversi aspetti del progetto. Non a caso il team principal ammette che il suo peggior errore in questa veste, da quando la ricopre, è stato «sbagliare il progetto di questa macchina».

Le parole di Binotto, riportate dal Corriere della Sera, confermano nuovamente LE RICOSTRUZIONI di FormulaPassion.it e dei principali quotidiani. «La vettura era nata per cercare più carico aerodinamico sapendo di contare su un motore superiore. Poi ci sono state le direttive tecniche e ci siamo trovati una macchina con alta resistenza all’avanzamento e pochi cavalli. Dalla somma delle due cose è nato il problema. Quella della FIA non è una punizione perché non ha colpito solo noi: tutti i motoristi hanno perso prestazioni, chi più e chi meno. Nel 2019 coprivamo i limiti della vettura con il motore. Abbiamo lavorato sul telaio, ma pensando ancora a quel vantaggio di potenza, che poi è sparito. E quando lo abbiamo capito ormai era tardi».

La power unit è stata ‘castrata’, secondo quanto afferma Binotto, anche dalla pandemia: «Fra fine 2019 e inizio 2020, e quando avremmo potuto iniziare a correggere sono arrivati Covid e congelamento delle regole». Impossibile recuperare, nonostante le classiche speranze di inizio stagione.

 Monza: ali sottili, assetto scarico e motore fresco

Per Binotto è necessario guardare al bicchiere mezzo pieno. «Facciamo parte di una storia straordinaria. Il Cavallino ci sarà sempre per competere ai massimi livelli. Siamo la scuderia che sta investendo di più per tornare al vertice». Anche se non tutte le BATTAGLIE POLITICHE sembrano andare in quella direzione, almeno nell’immediato: «Per il caso Racing Point chiediamo chiarezza e chiarimenti alla FIA. Se dovessimo ottenerli, saremmo anche pronti a ritirare l’appello. Ora possono correre ma è più importante proteggere il 2021 che questa stagione, visto come stiamo andando. I chiarimenti sono in quell’ottica».

Appunto, il 2021: cosa sta bollendo in pentola Binotto lo anticipa già. UN PO’ DI MOTORE, ANCORA, E UNA FINESTRA ‘AERODINAMICA’: «La prossima monoposto per noi sarà per forza un’evoluzione di questa, per il blocco delle regole. Ma ci sono delle opportunità: il motore sarà tutto nuovo, sta girando al banco da mesi, ci contiamo. In questi giorni poi è al voto del Consiglio Mondiale un cambiamento aerodinamico importante, con modifiche soprattutto al posteriore. È una possibilità da sfruttare».

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: